Sharkoon PureWriter, la tastiera ideale per scrivere

Sharkoon Purewriter è il connubio perfetto tra rumorosità e comodità nella scrittura. Venite a scoprire tutti i dettagli nella nostra recensione completa.

La tastiera è sicuramente la periferica che viene utilizzata la maggior parte del tempo davanti al PC. La impieghiamo per effettuare una ricerca oppure semplicemente per giocare al nostro titolo preferito. Dunque è fondamentale acquistare un modello che possa essere sì economica ma allo stesso tempo comoda da utilizzare. Di tastiere ne abbiamo testate diverse e di fasce ben variegate, ma la Sharkoon Purewriter è una tra le migliori che abbiamo provato finora. Si tratta di una tastiera meccanica ma con la morbidezza e la comodità di una a membrana, creando il compromesso perfetto.

Confezione

Contenuto Sharkoon PureWriter

Partiamo dalla confezione. Non appena avremo acquistato la Sharkoon PureWriter ci troveremo davanti una confezione decisamente compatta e completamente nera, con il logo Sharkoon in bella vista in alto a sinistra. Sul retro alcune indicazioni circa le specifiche tecniche della tastiera e un elenco di quello che troveremo all’interno. Aprendo la confezione infatti Sharkoon ci propone:

  • Tastiera Sharkoon PureWriter (switch Red o Blue a scelta)
  • Manuale
  • Cavo USB da 50cm
  • Cavo USB da 150cm

I due cavi USB hanno i connettori placcati in oro per una maggiore connettività e compatibilità. La scelta di inserire ben due cavi di dimensioni così diverse vi permetterà di optare per la soluzione migliore che eviti il solito ingombro di fili sulla scrivania.

Design e costruzione

Non appena la si prende in mano, ci si rende subito conto di quanto la Sharkoon PureWriter sia veramente compatta. Complice anche l’assenza del tastierino numerico, che ne limita le dimensioni complessive, la tastiera risulta leggera e facile da posizionare. Spesso le tastiere più compatte non hanno i tasti F1-F12, obbligando l’utente a digitare la combinazione FN+Tasto 1-12. In questo caso però Sharkoon ha pensato bene di mantenere tali pulsanti, non andando ad influire eccessivamente sulle dimensioni già di per sè ridotte.

La scocca è in plastica con finiture in alluminio, che la rendono anche piuttosto resistente e meno plasticosa come altri prodotti simili di dubbia qualità. I pulsanti meccanici sono di tipo low profile, adattando quindi le stesse caratteristiche di uno switch standard in dimensioni decisamente contenute. Inoltre a livello estetico presentano una leggera concavità che permette una digitazione ottimale, senza affaticare troppo le dita.

Visivamente quindi la Sharkoon PureWriter è molto carina. Non presenta un desing troppo eccentrico ma neanche troppo semplice da scambiarla per una tastiera a membrana. E’ la via di mezzo ideale per chi cerca una tastiera meccanica poco ingombrante, leggera e soprattutto sottile. Con il suo spessore di 1.8cm, è una tra le tastiere meccaniche più sottili che ci sia.

Specifiche tecniche e funzionalità

Andiamo ora a parlare delle specifiche tecniche e delle funzionalità che offre questa Sharkoon PureWriter. Come già anticipato nel precedente paragrafo, la tastiera è dotata di pulsanti meccanici low profile. Nel caso della PureWriter sarà possibile scegliere tra switch di colore Rosso e Blu. Noi abbiamo potuto provare la versione con switch rossi e possiamo dire che durante la digitazione non abbiamo avuto problemi di affaticamento. La pressione necessaria per inviare l’input è veramente bassa e non sarà necessario premere il tasto fino in fondo per ottenere la risposta a schermo. Se però preferite sentire il classico “click” degli switch meccanici, allora vi consigliamo di optare per la versione con switch Blu. Lo switch rosso permette di avere una tastiera meccanica con lo stesso feeling di una membrana.

Sharkoon PureWriter è dotata di 89 tasti, tra cui il tasto FN, che in combinazione con altri permette di eseguire operazioni particolari. Una tra queste è la regolazione dell’illuminazione. Infatti la tastiera è completamente retroilluminata di blu. E’ possibile modificare gli effetti di luce utilizzando diverse combinazioni, che vi illustriamo di seguito:

  • FN+F6: effetto onda
  • FN+F7: effetto specchio d’acqua
  • FN+F8: effetto spirale
  • FN+F9: illuminazione alla pressione
  • FN+F10: illuminazione ad intermittenza
  • FN+F11: illuminazione fissa
  • FN+? o FN+^: aumenta/diminuisce l’intensità della luce.
  • FN+F1-F5: attiva dei profili di illuminazione dedicati al gaming, per evidenziare solamente i pulsanti più utilizzati durante le sessioni di gioco, come i classici W-A-S-D o i numeri da 1 a 5.

Avrete modo di modificare lo stile della tastiera secondo i vostri gusti. Purtroppo non è possibile modificare il colore della retroilluminazione, ma è una mancanza di cui si può fare benissimo a meno. In linea generale configurare la tastiera Sharkoon PureWriter è un’operazione molto semplice e basilare, senza software esterni o altri fronzoli che potrebbero dare problemi al vostro PC.

Feedback

Siamo arrivati al punto cruciale di questa recensione, ossia il feedback. Per quanto l’estetica ed eventuali opzioni secondarie possano dare quel quid in più ad un prodotto come questo, ciò che conta realmente per una tastiera è il feedback tattile che si riscontra durante l’utilizzo. Nel caso della Sharkoon PureWriter possiamo confermare che l’azienda tedesca ha confezionato veramente un ottimo prodotto, capace di soddisfare diverse esigenze, sia coloro che vogliono una tastiera meccanica poco rumorosa e chi invece preferisce lo stile della tastiera a membrana con un feedback morbido e leggero.

Noi siamo soliti lavorare al PC anche per 7-8 ore al giorno e non abbiamo riscontrato il minimo problema durante l’uso di questa tastiera. La presenza del sistema anti-ghosting, che evita i cosiddetti doppi/tripli input a singola pressione, rende l’esperienza di scrittura ancora più piacevole e scorrevole, senza intoppi di alcun genere. Se scrivete per passione o per lavoro, la Sharkoon PureWriter è sicuramente una tra le scelte più azzeccate.

Prezzo

Eccoci all’ultimo punto di questa recensione, ovvero il prezzo. Avendo provato diverse tastiere, sia meccaniche che a membrana, è stato difficile stabilire se il costo attuale di 59€ fosse effettivamente giustificato o meno. Dopo aver testato a fondo il prodotto e valutato attentamente ogni singolo fattore, possiamo dire che il prezzo della Sharkoon PureWriter è uno tra i più vantaggiosi che ci sia per una tastiera meccanica. La fascia di prezzo si posiziona tra i modelli a membrana di buona qualità e le tastiere meccaniche di fascia media. Si tratta però di un prodotto ben sopra la media, rendendo il prezzo ancor più interessante. Ovviamente acquistando la tastiera riceverete il modello con layout italiano senza problemi.

Non si tratta certamente di una tastiera meccanica professionale, ma è sicuramente l’alternativa più economica e di qualità che potreste acquistare al momento.

Verdetto

PRO CONTRO
– Ottimo feeling tattile – Personalizzazione al minimo
– Dimensioni compatte
– Prezzo ragionevole
VOTO FINALE: 8.5/10

Sharkoon è un’azienda tedesca, specializzata principalmente nella produzione di periferiche e componenti per PC. Negli anni questo marchio è riuscito a ritagliarsi un mercato abbastanza ampio, grazie a prodotti di qualità e costruiti in maniera egregia. Sharkoon PureWriter non fa eccezioni e conferma ancora una volta la dedizione dell’azienda nel portare al pubblico prodotti interessanti e soprattutto economici.

Per ulteriori informazioni in merito, potete consultare la pagina ufficiale del prodotto.