D-Link DCS-936L, la videocamera di sorveglianza compatta e funzionale

Nella recensione di oggi andiamo a parlare della D-Link DCS-936L, una videocamera di sorveglianza che a dispetto delle sue dimensioni compatte riesce ad offrire un’ottima resa.

D-Link DCS-936L è una videocamera adatta sicuramente per coloro che non vogliono spendere tanto, ottenendo comunque un buon risultato. La confezione è molto contenuta e al suo interno troverete:

  • Videocamera
  • Cavo di alimentazione
  • Manuale d’uso
  • Scheda con i dati di accesso alla rete della fotocamera

La dotazione è piuttosto basilare, ma null’altro è necessario per poter configurare la videocamera ed utilizzarla in pochi minuti.

Design e specifiche tecniche

D-Link DCS-936L Design

Ciò che salta all’occhio, come prima cosa, è l’aspetto estetico. Visivamente la D-Link DCS-936L si presenta con un look semplice ma che si può adattare a qualsiasi arredamento domestico. Le dimensioni davvero contenute permettono di posizionarla ovunque e di appenderla anche al muro, grazie all’apposito sostegno. Una volta interrotto l’utilizzo è possibile richiuderla su se stessa per occupare ancora meno spazio.

Dal lato tecnico abbiamo un sensore ottico che registra in HD fino ad un angolazione di 120°. In questo modo è possibile coprire zone della casa abbastanza ampie. Purtroppo non è possibile comandare la rotazione della videocamera a distanza, per cui dovrete trovare voi la posizione ottimale per riprendere le aree che volete sorvegliare. Andando avanti troviamo il vano per la microSD sul lato sinistro, per poter archiviare le registrazioni su un supporto esterno. E’ possibile inserire una scheda fino a 128GB, che basteranno sicuramente data la dimensione non troppo esosa dei filmati. Un’altra particolarità è la visione notturna, attivabile comodamente dall’applicazione ufficiale. Per concludere abbiamo infine il sensore di movimento e di suoni, che ci avviserà attraverso una notifica push sul telefono di eventuali anomalie.

Nonostante si tratti di un prodotto di fascia comunque medio-bassa, offre gli strumenti necessari per poter videosorvegliare la vostra casa senza alcun problema.

Configurazione con mydlink Lite

Dopo aver spiegato brevemente le specifiche di questa videocamera, è giunto il momento di capire come configurare correttamente la D-Link DCS-936L con il proprio smartphone. Dobbiamo sottolineare che per poter vedere cosa sta riprendendo la videocamera bisogna obbligatoriamente associarla al telefono tramite l’app dedicata. Quindi non è possibile farlo tramite PC. Per prima cosa scaricare l’app mydlink Lite, disponibile sia per Android che iOS. Una volta aperta vi troverete davanti a questa schermata:

Come vedete l’interfaccia è davvero estremamente basilare. Noi abbiamo già associato la videocamera, per questo nell’immagine noterete che è già presente nell’elenco. Però nelle prossime righe vi illustreremo passo passo come inserire il vostro modello. Per prima cosa dovete scegliere il tipo di connessione da utilizzare, se locale remoto. La differenza tra le due è che nel primo caso è necessario che lo smartphone sia collegato alla stessa rete con cui viene collegata la videocamera, magari la vostra connessione Wi-Fi di casa mentre nel secondo caso potete anche utilizzare una connessione 3G/4G per connettervi alla videocamera. In quest’ultimo caso fate molta attenzione poiché potreste consumare tutti i vostri giga disponibili. La procedura di associazione può essere svolta in due modi. Vediamo quindi come fare.

PREMESSA: dovrete creare un account mydlink tramite l’applicazione per associare i dispositivi D-Link.

Metodo 1

Il primo metodo consiste nell’associazione della videocamera tramite codice QR. Una volta premuto su Aggiungi Videocamera +, apparirà la seguente finestra:

Solitamente se acquistate un prodotto nuovo, nella confezione troverete una scheda in cui è presente un codice QR da scansionare, utile per associare direttamente la videocamera all’applicazione. Inoltre questo codice dovrebbe essere presente anche direttamente sopra il prodotto. Se così non fosse, passate direttamente al Metodo 2 in basso. Se invece premete Sì, si aprirà la fotocamera con cui scansionare il codice QR. A questo punto l’applicazione riconoscerà il modello esatto della videocamera, mostrandovi prima questa finestra:

Dopo aver collegato l’alimentazione, la videocamera si accenderà, mostrandovi un LED rosso lampeggiante sul retro. Dunque ci sarà quest’altra schermata:

Il pulsante WPS è un tasto presente su alcuni router che permette a dispositivi esterni di connettersi alla rete Wi-Fi senza inserire nessuna credenziale. Vediamo come procedere nel caso il vostro router abbia questo pulsante. Quindi premete Sì.

Come mostrato nella figura, premere il pulsante WPS della fotocamera per 6 secondi. Il LED ora dovrebbe diventare di colore verde e lampeggiare.

Come indicato anche nelle istruzioni, dopo qualche secondo il LED dovrebbe diventare verde fisso e smetter di lampeggiare. Se ancora continua a lampeggiare, verificate prima di tutto che nelle impostazioni del router sia configurata correttamente la connessione WPS. Solitamente si può vedere anche dalla spia apposita direttamente sul router. Se tutto è andato a buon fine, proseguite oltre ed impostate una password di sicurezza da questa schermata:

A questo punto dovrebbe apparire la vostra videocamera nell’elenco iniziale, dove potrete accedere alla ripresa in diretta.

Metodo 2

Il secondo metodo riguarda tutti coloro che possiedono un router senza connessione WPS. I primi passaggi sono praticamente identici al metodo precedente. Ciò che cambia è l’associazione. Dopo aver digitato No alla domanda “Sul router Wi-Fi è presente il pulsante WPS?”, apparirà questa volta la schermata seguente:

Successivamente bisogna inserire manualmente le credenziali di accesso della videocamera.

Fate attenzione: dovete inserire i dati relativi alla videocamera e non alla vostra rete Wi-Fi. Questi dati li potete trovare molto semplicemente o direttamente sul retro della videocamera (dove è presente anche il codice QR) oppure sulla scheda di configurazione in dotazione.

La configurazione in remoto è essenzialmente identica a quanto già spiegato, con l’unica differenza che si potrà controllare lo stato della videocamera anche a distanza. Al termine di tutto la ripresa si presenterà così:

Questo slideshow richiede JavaScript.

In basso sono presenti i 5 pulsanti funzione principali. Partendo da sinistra abbiamo: regolazione del volume, pulsante per scattare un’istantanea, tasto per cambiare la risoluzione (tra 480p e 720p), tasto per iniziare a registrare e pulsante per cambiare la modalità di ripresa da notturna a giornaliera.

La qualità video è piuttosto buona, considerando la fascia a cui questo prodotto dovrebbe puntare. Anche la qualità audio non è niente male. Certo non griderete al miracolo, ma per il prezzo è sicuramente un compromesso a cui si è disposti a scendere. Una volta interrotta la registrazione apparirà un messaggio che vi comunicherà il percorso preciso in cui è stata salvata la registrazione. Consigliamo ovviamente di impostare la microSD come archiviazione per i filmati, così da non occupare spazio sul dispositivo.

Difetti

Passiamo ora ai punti deboli di questa D-Link DCS-936L. Per prima cosa abbiamo notare un grosso problema di surriscaldamento. Dopo pochi minuti di utilizzo abbiamo notato un calore eccessivo della fotocamera proveniente dal retro, anche senza effettivamente utilizzarla. Questo ci ha lasciati parecchio perplessi. Speriamo quantomeno che nella versione più aggiornata annunciata proprio ieri sia stato risolto questo grave problema.

Un altro problema minore che abbiamo riscontrato riguarda la modalità automatica. Come avete potuto notare dalle immagini inserite precedentemente, uno dei pulsanti permette di cambiare dalla modalità giornaliera a quella notturna. Esiste però anche la modalità Automatica, che a seconda della luce va a scegliere la modalità più appropriata. Sfortunatamente abbiamo notato che nel nostro caso questa opzione non funzionava come dovrebbe, rimanendo in modalità notturna anche in piena luce e in modalità giornaliera in condizioni di poca luce. Potrebbe trattarsi di un caso isolato, però comunque dobbiamo dare la nostra impressione sul prodotto che abbiamo testato con mano.

Prezzo e conclusioni

Siamo arrivati alla conclusione di questa recensione. Nonostante alcuni difetti più o meno gravi, la D-Link DCS-936L si è rivelata un’ottima videocamera di videosorveglianza. Attualmente è possibile trovarla a circa 66€ su Amazon, un prezzo veramente ottimo per iniziare. Magari più in là se avete un budget più alto potete optare per un sistema più sofisticato, che vi permetta di poter controllare il tutto anche da PC.

Noi ci sentiamo di consigliare questo prodotto se avete bisogno di una videocamera dal buon rapporto qualità/prezzo e facile da configurare.

PRO CONTRO
– Compatta e facile da posizionare – Eccessivo surriscaldamento
– Qualità audio/video buona – Modalità automatica non precisa
– Installazione semplice da fare
– Prezzo accessibile

Prodotto consigliato

E’ disponibile il modello successivo, la D-Link DCS-8100LH a 112€.