Come modificare PlayStation 3

La modifica PS3 è un’operazione piuttosto semplice. Dopo parecchi anni dall’uscita sono iniziate a circolare le prime modifiche software della console, che permettono di eseguire homebrew e backup dei giochi. In questa guida vi mostreremo i passaggi fondamentali per modificare PlayStation 3. Noi non ci assumiamo responsabilità derivanti da futuri malfunzionamenti della console. Inoltre non incoraggiamo la pirateria ma proponiamo la guida solo a scopo informativo.

Fase 1: verificare il firmware della PlayStation 3

La prima operazione da fare è verificare il firmware della nostra PS3. Per farlo bisogna accedere alle Impostazioni dalla XMB (ossia il menù di PS3). Successivamente accedere alle Impostazioni di sistema e da qui premere su Informazioni sul sistema. A questo punto dovremmo trovarci davanti ad una schermata simile.

Se il firmware di sistema è il 3.55 o inferiore è possibile modificare PlayStation 3 senza problemi. In caso contrario sarà necessario procedere ad un operazione chiamata downgrade, che permette di portare il sistema PS3 ad un firmware inferiore, compatibile con la modifica. In questo articolo non tratteremo questa procedura poichè piuttosto delicata e richiede un dispositivo chiamato E3 Flasher acquistabile separatamente. Per tutti gli altri, potete continuare con la lettura.

Fase 2: aggiornare la PlayStation 3 al firmware 3.55

Se la PS3 monta già il firmware 3.55 possiamo procedere al passo successivo. In caso abbia un firmware inferiore, bisogna fare come segue:

1) Scaricare il firmware ufficiale Sony 3.55.

2) Creare una cartella PS3, al cui interno andrà creata un’ulteriore cartella UPDATE.

3) Estrarre il file all’interno dell’archivio, rinominarlo in PS3UPDAT.PUP e copiarlo nella cartella UPDATE. Copiare poi la cartella PS3 in una chiavetta USB o memoria esterna.

4) Inserire la chiavetta USB nella PS3. Andare nelle Impostazioni e selezionare Aggiornamento del sistema. Ora dobbiamo scegliere Aggiorna tramite supporti di memorizzazione. A questo punto verrà effettuata la ricerca di firmware nei dispositivi collegati tramite USB.

5) Dare l’OK per l’installazione e attendere la fine del processo.

NOTA: è possibile eseguire l’aggiornamento anche tramite il menù Recovery. Per la guida vi rimandiamo al sito ufficiale Sony.

Fase 3: modificare PlayStation 3 ed avviare i backup

L’operazione di modifica della PlayStation 3 è praticamente identica ad un semplice aggiornamento software. Basterà semplicemente scaricare il Custom Firmware 4.81 per abilitare la possibilità di avviare backup sulla nostra PlayStation 3. La procedura è analoga a quella precedente.

AGGIORNAMENTO: il 16 Novembre 2017 è stato rilasciato il CFW 4.82 Ferrox Cobra, versione più recente di quello precedente. Potete eseguire la guida scaricando questo. I passaggi sono praticamente identici. Anche i programmi restano compatibili con questo nuovo Custom Firmware.

Passiamo ora ai programmi più essenziali, ossia quelli che permettono l’avvio di backup sia PS3 che PS2. Per il primo utilizzeremo il ben noto multiMAN, celebre per la frequenza con cui viene aggiornato e le funzionalità che offre. Oltre ad un sistema di aggiornamento interno, permette di copiare i backup direttamente nell’hard disk interno della PS3, operazione sconsigliata se non necessaria con alcuni (sottolineiamo rari) titoli. Di seguito la procedura per avviare i backup:

1) Creare una cartella GAMEZ in un supporto di archiviazione esterna, meglio hard disk se possibile, così da poter copiare un maggior numero di titoli. Il support dovrà essere formattato in FAT32, per cui potremo copiare solo file minori di 4GB. Andando avanti spiegheremo anche la guida su hard disk in NTFS.

2) Per installare multiMAN, copiare il file .pkg presente nell’archivio in una memoria esterna. Poi andare su Install Package Files dalla XMB e selezionare multiMAN.

2) Collegare il supporto alla PS3 ed avviare multiMAN.

3) A questo punto multiMAN avrà riconosciuto correttamente i giochi, che potremo trovare sotto il menù Games. Quello che dovremo fare è selezionare il gioco che vogliamo far partire ed attendere di essere riportati nella XMB della PlayStation 3.

4) Ora dovremo solamente avviare il gioco, che avrà l’icona di un Blu Ray, come fosse stato inserito il titolo originale.

AGGIORNAMENTO 2: sembra che con la versione 4.82 del CFW Cobra, multiMAN funzioni solamente in modalità mmCM. Si attenderà una nuova versione del software, pienamente compatibile con il nuovo aggiornamento.

Fase 4: avviare backup da hard disk NTFS

Inizialmente questo fu un problema molto ostico, poichè costringeva gli utenti a copiare forzatamente i giochi nell’hard disk della PlayStation 3. Con le nuove versioni di multiMAN è stato arginato il problema. Infatti, sarà possibile avviare backup da hard disk formattati in NTFS convertendoli in formato ISO. Per farlo, utilizzeremo il programma PS3 ISO Tools:

1) Avviare PS3 ISO Tools e cliccare su Create ISO(s).

2) Nel menù precedente potremo applicare varie modifiche, come la patch al firmware nel caso la PlayStation 3 abbia una versione del software minore di quello richiesto dal gioco o la divisione delle ISO in file minori di 4GB per hard disk in FAT32. Dopo aver fatto le dovute scelte, cliccare su Continue.

3) Scegliere la cartella del gioco da convertire e dare inizio alla creazione dell’ISO. I tempi variano a seconda della dimensione del gioco e dalla velocità del nostro hard disk.

4) Creare una cartella PS3ISO all’interno dell’hard disk in NTFS e copiarci dentro i backup. La procedura di avvio è la stessa con multiMAN.

Fase 5: giocare online con il PSN

Giocare online utilizzando una PlayStation 3 modificata comporta sempre un minimo margine di rischio. Però esistono metodi che permettono, in qualche modo, di nascondere la modifica al controllo di Sony permettendo di giocare online QUASI in tranquillità. Il programma che useremo si chiama PSNPatch. L’installazione è la medesima di multiMAN. Questo software permette di nascondere la modifica disattivandola temporaneamente. Per cui una volta riavviata la PS3 dovremo eseguire nuovamente la procedura. Inoltre, PSNPatch blocca la connessione al PSN finchè non si disattiva la modifica, per evitare connessioni automatiche. Per usare PSNPatch fare come segue:

1) Montare un backup PRIMA di avviare PSNPatch. Questo perchè la disattivazione della modifiche non permetterà l’avvio di alcun software di terze parti, tra cui multiMAN.

2) Avviare PSNPatch e premere X. Sentiremo un bip dalla console e ritorneremo alla XMB.

3) Ora possiamo avviare i nostri backup e connetterci al PSN direttamente in game. Ovviamente il rischio di essere bannati c’è sempre, anche se notevolmente ridotto. Se vogliamo conquistare i trofei, possiamo tenere attiva la connessione internet (senza collegarci al PSN) e successivamente accedere al PSN per sincronizzarli, dopo aver applicato la modifica di PSNPatch.

[adsense]

Fase 6: avviare backup PS2

L’utilizzo di backup PS2 è consentito solamente su Custom Firmware dotati delle patch Cobra, presenti nel firmware allegato in questo articolo. Ci serviremo del programma ISO Launcher 1.03 e di PSNPatch, utile all’attivazione dei backup PS2. Procediamo come segue:

1) Entriamo in PSNPatch e premiamo Select per aprire il menù Toolbox. Qui dobbiamo attivare i vari plugin elencati in alto tramite la pressione delle frecce direzionali.

2) Attivare il sistema PS3 tramite l’opzione apposita nella XMB.

3) Ritornare su PSNPatch e premere R1 per attivare i classici PS2 e il programma di avvio dei backup PS2.

4) Installare il PKG di ISO Launcher (PS2 CLassics Placeholder) come tutti gli altri programmi.

5) Creare una cartella PS2ISO su un supporto esterno ed inserirci i backup PS2 in formato ISO.

6) Avviare multiMAN e selezionare il titolo PS2 da avviare (sarà necessario copiare il titolo nell’hard disk della console.

7) Dalla XMB, avviare ISO Launcher per far partire il gioco.

Data l’uscita del CFW 4.82, PSNPatch potrebbe non funzionare correttamente (dipende dal tipo di PS3), almeno fino al rilascio di una versione più recente. Nell’attesa potete usufruire di SEN Enabler, che svolge la medesima funzione ed è attualmente compatibile con il nuovo firmware.

Noi di TechByte non ci assumiamo nessuna responsabilità riguardo danni alla console o altro. La guida è stata testata ed è perfettamente funzionante su qualsiasi modello di PlayStation 3 con firmware originale uguale o inferiore al 3.55 o con qualunque CFW già installato. Modificare Playstation 3 annullerà qualsiasi garanzia presente sulla console, per cui cercate di farla una volta che la garanzia sarà scaduta.

NOTA: modificare Playstation 3 utilizzando il CFW 4.82 Ferrox Cobra che trovate in questo articolo è possibile avviare anche i dischi masterizzati di titoli PS1, PS2 e PS3. Unico requisito è avere un CFW con le patch Cobra e masterizzare le ISO in maniera non criptata. Per questo vi consigliamo di usare il programma GenPS3Iso. Verificate anche che il titolo non sia stato patchato per eventuali vecchie versioni di CFW.

Come modificare Playstation 3 con firmware ufficiale 4.82

Proprio nelle ultime ore è stata rilasciata la guida per poter effettuare l’installazione di un custom firmware 4.82 direttamente dal firmware originale 4.82. La soluzione consiste nella patch del CoreOS (chip NOR/NAND), affinchè si possa installare un custom firmware senza retrocedere al 3.55.

Metodo 1

I requisiti per effettuare la modifica sono:

  • Firmware originale 4.82
  • Playstation 3 con firmware di fabbrica inferiore o uguale al 3.56. Per verificarlo, installate MinVerChk. Se avete una PS3 Fat andate sul sicuro mentre se si tratta di una Slim vi conviene fare una verifica. Le SuperSlim sono sicuramente escluse da questa modifica.
  • NOR/NAND Writer 1.0
  • Un solo account sulla PS3
  • Connessione internet attiva
  • multiMAN 4.82.00 (aggiornabile direttamente anche dalla vecchia versione tramite Wi-Fi). Il software è utile per eseguire i backup che richiedono il firmware 4.82.

Andiamo ora a vedere la procedura di installazione:

  1. Aggiornare la PS3 al firmware originale 4.82 tramite XMB.
  2. Verificare la versione di fabbrica del sistema tramite l’installazione di MinVerChk come un semplice aggiornamento di sistema.
  3. Una volta verificato che è possibile effettuare la procedura, estrarre l’archivio NOR_NAND_writer_release_1.0_PS3Xploit.zip e copiare il file flsh.hex all’interno di una chiavetta USB formattata in FAT32. Sempre nella chiavetta preparare anche il custom firmware 3.82, creando un percorso di cartelle nel seguente modo: PS3–>UPDATE–>PS3UPDAT.PUP (rinominare il custom firmware in questo modo).
  4. Collegare la chiavetta alla PS3 nella presa USB più a destra e attendere che venga riconosciuta. Se non viene letta, provate a cambiare porta USB o direttamente chiavetta.
  5. Accedete al browser della PS3 ed eliminate i cookie e la cache. Impostate come pagina principale il seguente indirizzo: http://redthetrainer.com/ps3/. Riavviate il browser. Al secondo avvio, dovrebbe aprirsi direttamente la pagina dell’exploit. Qui dovrete selezionare l’opzione PS3 4.xx NOR NAND WRITER, l’ultima a destra per intenderci.
  6. Successivamente apparirà la schermata seguente:
    Qui dovrete scegliere il tipo di memoria della vostra PS3. La NAND riguarda solo le PS3 Fat da 20Gb fino ad 80GB (codici CECHAxx fino a CECHGxx) mentre la NOR è presente su tutti gli altri modelli non menzionati prima, sia Fat che Slim. Per poter verificare il preciso modello della vostra PS3, basta guardare sul retro della console, dove troverete questa informazione.
  7. A questo punto dovrete attendere qualche minuto. Se la console si spegne vuol dire che la procedura è stata completata con successo, quindi una volta riaccesa la console potrete installare il custom firmware 4.82 seguendo la nostra guida. In caso contrario, riavviate la console e riprovate.

Al momento la procedura non è esente da bug e potrebbe non funzionare correttamente anche se si eseguono tutti  i passaggi alla lettera. Il nostro consiglio è quello di fare diversi tentativi, anche perchè non si rischia di brickare la console in caso di insuccesso.

Il consiglio è quello di eseguire comunque un DUMP della memoria, attraverso il comando PS3 4.xx NOR Dumper. In questo modo in caso di problemi sarà possibile ripristinare la console.

Ovviamente la procedura è valida per chi ha erroneamente aggiornato ad un firmware ufficiale superiore al 3.55 e quindi non ha modo di installare un custom firmware.

Una metodo alternativo per eseguire le due procedure potete trovarlo qui e qui (in inglese). E’ lo stesso procedimento, solamente che vengono utilizzati dei programmi esterni relativi sia al dump che alla scrittura della memoria, utilizzando sempre il browser integrato della PS3.

Metodo 2

Nel caso il primo metodo non abbia successo, potete ricorrere a questa seconda alternativa, che sfrutta una versione aggiornata del NOR/NAND Flash Writer. I requisiti sono:

  1. NOR/NAND Flash Writer 2.0
  2. NOR/NAND Dumper 2.0
  3. PyPS3Checker

Vediamo ora come procedere:

  1. Dopo aver aggiornato la PS3 al firmware 4.82, copiate il file flash_482.hex, presente nell’archivio NOR_NAND_writer_release_2.0_PS3Xploit.zip, in una chiavetta USB o HDD formattati in FAT32.
  2. Accedere al browser della console e digitare l’indirizzo “ps3xploit.com“. In alto a sinistra selezionate Flash Writer e selezionate l’opzione in base sia al tipo di supporto esterno che dal tipo di memoria da flashare. Se avete utilizzato una chiavetta USB per copiare il file flash_482.hex, scegliete Write Flash from USB, altrimenti selezionate Write Flash from HDD. Una volta aperta la pagina, impostatela come pagina principale e chiudete il browser. Scrittura della memoria PS3
  3. Aprire nuovamente il browser e selezionare il percorso del file sotto la voce PS3Xploit 4.82 Flash Memory patch path. Premete su Initialize exploitation ed attendete che la procedura si completi. Nel caso dovesse fallire, ricaricate la pagina e premete stavolta su Patch NAND/NOR Flash Memory.Dump della memoria PS3
  4. A questo punto dovrete eseguire il Dump della memoria, copiando il file dump.jpg all’interno di un HDD ed impostando la pagina relativa a Dump Flash from HDD come principale sul browser. Eseguite i tre passaggi mostrati nella schermata.
  5. Una volta completata la procedura, verificate che il dump sia stato fatto correttamente, prima di riavviare la console (dopo aver rinominato il file dump.jpg in dump.hex). Si utilizzerà il programma in Python PyPS3Checker. Per cui dovrete aver installato Python sul PC per poter utilizzare correttamente il programma. Da PC, avviate il prompt dei comandi ed eseguite i seguenti comandi: checker.py mydump.bin e checker.py “D:\myfiles\dump.hex”. Ovviamente il percorso del file sarà diverso per ognuno di voi.
  6. Se tutto è andato a buon fine, il prompt dovrà restituire l’errore 0, ovvero non sono presenti errori. A questo punto riavviate la console ed installate il CFW.

Lista delle PS3 compatibili con la modifica

Per poter modificare Playstation 3 è necessario che la vostra console sia tra i modelli compatibili per poter eseguire la modifica. Di seguito trovate l’elenco completo dei modelli, il cui codice potete trovarlo sul retro della console:

  • FAT con memoria NAND (CECHAxx fino a CECHGxx)
  • FAT con memoria NOR (CECHHxx fino a CECHQxx)
  • Slim con memoria NOR (CECH-20xxA/CECH20xxB e CECH-21xxA/21xxB)

Modifica PS3 Slim e Super Slim

AGGIORNAMENTO 14/03/18: è stato rilasciato pubblicamente il PS3Xploit 3.0, che permetterà di modificare anche le PS3 Slim (modelli non compatibili con la guida precedente) e Super Slim. Tutto ciò che dovrete fare è creare un account PSN (magari uno secondario), disattivare la chiusura del browser con il tasto triangolo ed impostare le seguenti pagine web come principali nel browser della PS3:

  1. HAN Installer (installa l’HAN): premere su Inizialize HAN Installer e poi su Launch HAN Installation
  2. HAN Enabler (abilita le patch HAN): premere su Initialize HAN Enabler e poi su Enable HAN
  3. ACT/IDPS Dumper (crea un file su USB con l’IDPS della console, utile per installare le license): premere su Initialize ACT/IDPS Dumper e poi su Dump ACT.DAT & IDPS, specificando la porta USB dove è alloggiata la vostra memoria esterna.

NOTA: eseguire le pagine web una alla volta, riavviando il browser, e nello stesso ordine in cui sono elencate sopra.

Per far sì che alcuni giochi funzionino correttamente, bisogna andare a generare il file rif e creare un nuovo file act.dat. Per farlo bisogna innanzitutto scaricare il file ps3xploit_rifgen_edatresign.exe, un programma per PC che vi permetterà di fare ciò. Adesso seguite i passaggi mostrati di seguito:

  1. Creare una cartella al cui interno inserire il file .exe del programma e il file act.dat/idps.hex generati dalla pagina ACT/IDPS Dumper precedentemente linkata.
  2. Trovare il file di estensione RAP all’interno della cartella del gioco PS3/PS2/PSX/PSP e trascinarlo sul file .exe del programma (è possibile anche trascinare direttamente il file PKG del gioco). A questo punto si aprirà automaticamente ed apparirà una schermata di questo tipo:
  3. Rinominare il file signed_act.dat in act.dat e copiarlo su una chiavetta USB.
  4. A questo punto accedere alla pagina PS3 HAN ACT/RIF Copier, sempre impostandola come pagina diretta del browser, cliccare su Inizialize ACT/RIF Copier e poi su Copy Files.

I file in formato PKG possono essere installati tramite il Rebug Package Installer, all’interno della colonna Giochi nel menù XMB.

Convertire i giochi PS3 in PKG

Dato che la modifica HAN supporta solamente file in PKG, è necessario convertire i titoli in formato cartella nel formato PKG. Per farlo avrete bisogno dei seguenti programmi (raggruppati in questo pacchetto):

  1. PS3SFOEdit
  2. TrueAncestor PKG Repacker
  3. TrueAncestor SELF Resigner

La prima cosa da fare è aprire TrueAncestor PKG Repacker. La schermata apparirà come la seguente:

Come potete notare ci sono svariate opzioni. Quella che interessa a noi è 2. Custom Pack Pkg. Prima però bisogna modificare la struttura della cartella di gioco. Create una cartella rinominata con il TitleID (che trovate usando PS3SFOEdit) e copiateci all’interno i file contenuti nella cartella PS3_GAME del gioco. Sempre nella cartella creata copiate anche la cartella PS3_UPDATE e il file PS3_DISK.SFB se presenti. A questo punto copiate la cartella creata nella cartella game del programma. Successivamente tornate su TrueAncestor PKG Repacker, digitate 2 e premete Invio. Si aprirà quest’altra finestra:

Qui dovrete scegliere il tipo di backup che avete, se DLC, DiscGame o HDDGame. Questa informazione è contenuta nel file PARAM.SFO, all’interno di PS3_GAME. Per cambiare o semplicemente vedere questo parametro, aprire PS3SFOEdit e guardate il campo Data Type:

Come potete vedere dalla foto abbiamo DG – Disc Game, quindi su TrueAncestor PKG Repacker andrete a scegliere l’opzione 3. DiscGame Patch. Una volta scelta l’opzione corretta, si aprirà la finestra con l’elenco dei backup che avete copiato nella cartella game:

Nel nostro caso si tratta di un singolo backup, però se volete potete aggiungerne anche altri. Dopo aver digitato il numero corrispondente, premete Invio per dare inizio al processo. A seconda del titolo la procedura può impiegare diversi minuti. Al termine la schermata dovrà essere così:

Dunque andate nella cartella pkg del programma e troverete il backup pronto da installare. Può capitare durante il processo che vi venga segnalato l’errore EBOOT.BIN is not an NPDRM SELF. Ciò significa che dovrete resignare il file EBOOT.BIN, presente nella cartella PS3_GAME/USRDIR. Quindi aprite TrueAncestor SELF Resigner e copiate il file EBOOT nella cartella principale del programma. La schermata e simile a quella per i PKG, con opzioni dedicate agli EBOOT:

L’opzione da scegliere sarà 11. Resign to NPDRM EBOOT. In questo caso la procedura sarà immediata poichè si tratta di un file di pochi MB. Una volta terminata la procedura sostituite il file EBOOT.BIN del gioco con quello nella cartella del programma, che ora avrà un peso molto inferiore. A questo punto ritornate a TrueAncestor PKG Repacker e ricominciate la procedura. Non dovrebbe più darvi l’errore segnalato e potrete completare il processo.

NOTA: per chi possiede un CFW e vuole resignare il file EBOOT.BIN, dovrà scegliere l’opzione 3. Resign to NPDRM EBOOT.

NOTA 2: in alcuni titoli potrebbe essere necessario decryptare il file EBOOT.BIN. Per cui dovrete anche eseguire l’opzione 1. se avete un CFW o la 9. se avete la modifica HAN.

Se volete installare anche titoli PS1/PSX Classics/PS2 Classics/PSP in formato PKG, trovate qui tutto il materiale da scaricare per creare il PKG. Si tratta di programmi estremamente semplici da utilizzare. Basta inserire il file relativo al titolo che volete convertire e far partire la conversione dall’unico tasto presente nel programma. Trovate comunque tutte le istruzioni nel link allegato.

Se volete disattivare l’HAN, basta reinstallare il firmware sul quale avete eseguito la procedura.

AGGIORNAMENTO 19/04/18: rilasciato il software MAKE PKG HAN Tools 2.4.2, che permette non solo di creare file PKG dei titoli PS3, ma anche di signarli senza avere a disposizione il file .rap. Basta copiare la cartella di gioco, i file act.dat e idps.hex nella cartella del programma e scegliere l’opzione che vi serve. Fate vari tentativi utilizzando le prime due voci (Make DEBUG PKG e Make RETAIL PKG). Se avete già un gioco in formato PKG, posizionatelo nella cartella del programma e usate la voce Just sign PKG.

Prodotto consigliato

Potete recuperare una PS3 tramite questo link. Il modello è da 12GB ma potete tranquillamente sostituire l’hard disk per aumentarne la capienza.