Recensione MXGP Pro, Milestone ci riprova con le motocross

Milestone, software house italiana, torna sulla cresta dell’onda dei titoli di corsa con MXGP Pro. Di seguito trovate la nostra recensione completa.

I titoli di corsa sportivi, come F1, Moto GP o RIDE, cercano ogni anno di migliorarsi, raggiungendo sempre più un grado di realismo sorprendente. L’evoluzione di questi titoli è un po’ come quella dei giochi calcistici (PES e FIFA tra tutti), con un miglioramento alla grafica e al sistema di gioco, mantenendo intatto lo spirito che li ha resi così famosi. La serie MXGP è sempre rimasta una delle più apprezzate in ambito motocross. Il primo titolo risale al lontano 2014, con un sistema piuttosto completo ma rivoluzionario, capace di spingersi verso limiti ai tempi sconosciuti. Con MXGP Pro Milestone vuole cercare di riportare alla ribalta una serie di nicchia, attraverso uno dei mondiali di motocross più seguiti al mondo. Il titolo è disponibile dal 29 Giugno per  PC, PS4 e Xbox One.

Una fisica più realistica

La prima vera grande novità di MXGP riguarda la fisica dei veicoli, quello che viene chiamato Fisica PRO. Come anche spiega Milestone sul sito ufficiale del gioco:

“Dopo MXGP3, abbiamo passato diversi mesi leggendo i feedback della community, ascoltando i suggerimenti e lavorando per migliorare l’esperienza di gioco di MXGP e soddisfare le aspettative di tutti i gamer. Il risultato di questo lavoro è uno dei videogiochi di cui siamo più orgogliosi: MXGP PRO e la sua Fisica PRO.

Tra tutte le richieste dei giocatori c’erano alcune costanti: whippare liberamente e in modo realistico, più controllo della moto a mezz’aria, solchi nella pista che influenzano davvero la guida, e maggiore controllo della frizione per partenze super-veloci.”

Dunque l’azienda si è concentrata maggiormente per fornire agli utenti un’esperienza di gioco non solo più realistica ma anche più impegnativa. Infatti, dopo un primo tutorial in cui ci vengono spiegate le varie manovre, sarà molto difficile riuscire a metterle in pratica. Bisogna considerare la stabilità del terreno, la posizione del veicolo e il peso del guidatore per poter effettuare un atterraggio perfetto e riprendere velocità in maniera ottimale. Persino Antonio Cairoli, nove volte campione del mondo, ha collaborato con il team di Milestone per la realizzazione della Fisica PRO. Ovviamente se notate troppa difficoltà con la Fisica PRO, potrete impostare quella Standard dalle impostazioni. Dovrete sempre metterci del vostro, però almeno sarete meno puniti per ogni errore che commettete.

Come potete vedere anche dal video sopra, se non si sa gestire bene ogni movimento si rischia di cadere alla prima curva. Ogni piccolo solco del terreno può essere fatale se affrontato ad una velocità troppo alta. E’ incredibile come i ragazzi di Milestone siano stati in grado di rappresentare la fisica in maniera così precisa. Si può vedere infatti come i movimenti della moto cambiano in base alla struttura del tracciato, come anche la sua stabilità, influenzando di parecchio l’esito della gara. Non si tratta del solito gioco da corsa dove basta premere l’acceleratore e arrivare al traguardo prima degli altri. In MXGP Pro sarà necessario impegnarsi a fondo già dalle primissime gare per poter portare a casa la vittoria.

Questo slideshow richiede JavaScript.

Un Compound ancora più completo e gare più avvincenti

Chi conosce la serie MXGP saprà sicuramente che cos’è il Compund. Si tratta di una mappa di gioco che è possibile esplorare liberamente e senza alcun limite di tempo. In questo modo è possibile ritagliarsi qualche minuto tra una gara ed un’altra per poter affinare la propria abilità ed esercitarsi su differenti terreni. In questo nuovo capitolo Milestone ha voluto fare le cose in grande, proponendo una mappa decisamente più ampia e variegata rispetto ai predecessori, così da potersi esercitare in diverse situazioni.

“Mettiti alla prova con 30 diverse sfide. Una modalità di gioco dedicata che ti permetterà di imparare step by step le tecniche di base e quelle più avanzate del motocross.”

Come anche annunciato ufficialmente da Milestone, MXGP Pro proporrà al giocatore la modalità Attività, con ben 30 sfide per poter imparare sempre nuove tecniche di guida, dalle più semplici sino a quelle più ostiche. Una volta che avrete appreso a pieno tutti i trucchi e i segreti per guadagnare terreno sugli avversari, nessuno avrà modo di sovrastarvi. Ovviamente ogni sfida sarà un modo per poter entrare sempre più in confidenza con la nuova Fisica PRO.

Non mancherà ovviamente la modalità Carriera, che riproporrà il ben noto torneo MXGP. L’IA degli avversari è davvero agguerrita e vi darà del filo da torcere già dai primi minuti di gioco. A livello di profondità siamo ancora lontani dai livelli di titoli come Moto GP o F1 di Codemasters, però nel complesso risulta abbastanza divertente, grazie comunque ad un’ottima grafica, sia per i veicoli che per il terreno. Il fango da quella giusta sensazione di attrito che può risultare un’arma a doppio taglio se si fa un minimo movimento sbagliato. In questo caso utilizzare il controller potrebbe essere la soluzione migliore.

Tra i tanti veicoli che è possibile guidare abbiamo l’ENDURO, il KXF 450 o il Kawasaki KX 125. Sarà possibile inoltre personificare alcuni dei piloti più famosi, come Ivo Monticelli, Samuele Bernardini o Ben Watson. Potrete anche personalizzare la massimo la vostra moto, modificandone non solo l’aspetto estetico ma anche l’assetto per adattarlo al terreno della gara successiva. In questo modo sarete pronti ad affrontare il tracciato nel modo più sicuro possibile.

E’ presente infine la modalità Multiplayer, che vi permetterà di creare una partita o accedere ad una già esistente. Nel momento in cui scriviamo è possibile trovare abbastanza giocatori per una sfida avvincente.

Miglioramenti sì…ma anche alcuni passi indietro

Passiamo ora ai difetti di questo MXGP Pro. Per prima cosa l’editor del personaggio. Riguardo ai veicoli non abbiamo nulla da dire mentre per il nostro alter ego c’è un po’ di incompletezza ed è poco ricco di impostazioni per personalizzarlo a nostra immagine e somiglianza. Un vero peccato poiché sarebbe bastato veramente poco per dare quel tocco in più per renderlo perfetto.

Altro aspetto su cui vogliamo soffermarci sono le collisioni. Per quanto la fisica generale sia migliorata, seppur di poco rispetto ai capitoli precedenti, abbiamo notato come eventuali scontri con gli altri veicoli appaiano oltremodo innaturali, come se rimbalzassero tra di loro, senza una minima reazione. Sicuramente si poteva fare molto di più per migliorare questo aspetto, anche perché in questo modo si va a snaturare la competitività del titolo.

Conclusioni

L’ultima parte della recensione di MXGP Pro la dedichiamo al prezzo e al verdetto finale. Attualmente il titolo è disponibile ad un prezzo che oscilla tra i 47€ e i 65€, a seconda della versione scelta. Un prezzo giustificatissimo per un titolo che non ha avuto paura di migliorarsi, con novità veramente ottime come la Fisica PRO, che rendere il titolo più godibile anche a chi pretende una guida un po’ meno arcade.

Nonostante qualche difetto a livello di gameplay e una campagna non proprio longeva, MXGP Pro si configura come uno dei migliori titoli di motocross del momento.

PRO CONTRO
Fisica veramente ottima… …tranne che sulle collisioni
AI dei nemici convincente… …anche se a volte prevedibile
Buona personalizzazione dei veicoli… …meno buona quella del personaggio
Varietà di tracciati, veicoli e piloti
VOTO FINALE: 7.5/10