RTX Voice, lo strumento per la riduzione del rumore tramite tecnologia RTX

La tecnologia RTX ha segnato sicuramente un enorme evoluzione nel campo della computer grafica, fornendo nuovi standard qualitativi che si sono poi ripercossi nei prodotti futuri. Il primo approccio a questa tecnologia ce lo ha fornito NVIDIA con le sue GPU GeForce RTX 2000, che includono i modelli RTX 2060, 2070 e 2080 (e relative versioni Super).

Sono passati già due anni dalla presentazione ufficiale delle prime schede video con tecnologia ray tracing integrata di NVIDIA, che successivamente poi si sono dovute scontrare con AMD e le sue RX 5700 con RDNA, utilizzata nella sua seconda versione anche nelle console di prossima generazione. Da quel primo annuncio ne sono stati fatti di miglioramenti, con l’introduzione del DLSS 2.0, che va ulteriormente a migliorare la qualità visiva dei giochi grazie ad un’intelligenza artificiale più precisa. L’ultimo passo da fare era quello di poter riuscire ad implementare il ray tracing anche nel comparto sonoro.

Ecco che nasce quindi RTX Voice, un plugin gratuito scaricabile da qui, che offre a tutti i possessori di schede video GeForce RTX e Quadro RTX di usufruire di una nuova tecnologia di riduzione dei rumori ambientali, che sfrutta l’intelligenza artificiale per garantire un audio pulito e privo di disturbo.

Il software si presenta con un’interfaccia piuttosto basilare, che permette semplicemente di abilitare o meno la riduzione del rumore su microfono e speaker. Basterà infatti mettere la spunta su Remove background noise from my microfone e Remove background noise from incoming audio per abilitare RTX Voice.

RTX Voice interfaccia

Dopo aver installato RTX Voice, il vostro sistema operativo installerà anche un dispositivo audio virtuale, che fungerà da scheda audio per filtrare i suoni ambientali. C’è da specificare che RTX Voice è necessario attivarlo solamente quando si utilizzano applicazioni di chat vocale o software per lo streaming. Questo perché ci sono suoni, come ad esempio quelli provenienti dai giochi o la musica, che non hanno bisogno di alcun intervento da parte di RTX Voice.

Attualmente RTX Voice supporta i seguenti servizi di streaming e videochiamate:

  • OBS Studio
  • XSplit Broadcaster
  • XSplit Gamecaster
  • Twitch Studio
  • Discord
  • Google Chrome
  • WebEx
  • Skype
  • Zoom
  • Slack

A questo punto è necessario impostare le voci Microphone (NVIDIA RTX Voice) e Speaker (NVIDIA RTX Voice) sul rispettivo programma che state utilizzando. Per le istruzioni su come fare vi rimandiamo alla pagina ufficiale di RTX Voice, dove vengono elencati i vari passaggi. Semplicemente si tratta di entrare nelle impostazioni audio del software ed impostare come audio di ingresso e di uscita le due voci appena nominate. NVIDIA consiglia di inviare 15 secondi di registrazione a questo link per permettere all’intelligenza artificiale di migliorarsi con il tempo.

Per poter utilizzare RTX Voice è necessario possedere un PC con Windows 10, una scheda video RTX e i driver 410.18 o superiori. Fateci sapere la vostra esperienza con questa nuova tecnologia.

Potrebbero interessarti anche...