Web Hosting

Recensione Xiaomi Pocophone F1, ottime performance a meno di 300 euro

Abbiamo provato a lungo lo Xiaomi Pocophone F1 e siamo pronti a mostrarvi la nostra recensione a riguardo.

Con un nome piuttosto insolito, lo Xiaomi Pocophone F1 rivela molto di più di quanto non mostri realmente. A discapito di un design ormai superato, seppur comunque elegante, questo smartphone riesce ad essere ottimo per qualunque genere di operazione, dalla semplice navigazione all’utilizzo di applicazioni intensive.

Dopo avervelo mostrato tempo fa, insieme alle sue specifiche tecniche, eccoci qui a parlarne nel dettaglio, approfondendone ogni aspetto peculiare.

Design

Xiaomi Pocophone F1 confezione

Xiaomi ci ha sempre abituati a design non troppo eccentrici ma comunque visivamente interessanti. Anche in questo caso ci troviamo di fronte ad un prodotto esteticamente gradevole. La scocca è completamente in alluminio, con una colorazione opaca che evita le classiche impronte. Sul retro alloggiano le due fotocamere posteriori da 12MP e 5MP, disposte con il design a semaforo. Appena sotto troviamo poi il sensore di impronte digitali.

Pocophone F1 retro

Sul lato sinistro alloggia il vano per la SIM mentre a destra troviamo il pulsante di accensione/spegnimento, assieme al bilanciere per il volume. Sulla parte inferiore abbiamo il doppio speaker stereo e su quella superiore solamente il jack per le cuffie da 3.5mm.

Non appena si accende il dispositivo ci si rende subito conto di come il display da 6.18″sia veramente ampio e occupi il 95% della parte frontale. In alto troviamo il notch che nasconde la fotocamera frontale da 20MP e il flash LED. I bordi arrotondati del Gorilla Glass e del dispositivo stesso permettono allo Xiaomi Pocophone F1 di avere un look più morbido. Lo schermo è molto luminoso e davvero nitido, con i suoi 403ppi. Nonostante si tratti di un semplice IPS LCD, la qualità è molto buona e la sensazione è quella di un display di qualità.

Al tatto è davvero maneggevole, anche senza utilizzare una qualsiasi cover protettiva. Questo è dovuto anche al materiale utilizzato, che rende il grip molto sicuro e privo da qualsiasi rischio da caduta o urto accidentale.

Foto e video

Il comparto fotografico dello Xiaomi Pocophone F1 è di buon livello. La doppia fotocamera posteriore permette ottimi scatti anche in condizioni di luce scarsa. Purtroppo non si può dire lo stesso delle foto al buio, che presentano un rumore piuttosto evidente e che non è possibile quantomeno tamponare attraverso l’uso della Fotocamera AI o dell’HDR. Però nel complesso le foto sono di buona qualità. L’apertura focale di F1.9 e F2 offrono buone foto anche a distanze ragionevoli.

Come potete vedere dalla galleria in alto, i dettagli delle macro sono ottimi. I colori restituiti sono molto vivi e naturali, senza essere né troppo accesi né troppo saturi di contrasto. Giocando poi con le varie impostazioni, seppur limitate, è possibile comunque migliorare ulteriormente la qualità della foto.

Riguardo i video si può dire lo stesso. La registrazione in 4K è di ottima fattura nelle condizioni di luce mentre al buio o comunque in casi di scarsa luminosità si avverte prepotentemente un rumore di fondo che può essere sgradevole durante la visione. Sarà possibile anche effettuare degli Slow Motion fino a 240FPS.

Velocità e prestazioni

Il cuore pulsante dello Xiaomi Pocophone F1 è uno Snapdragon 845, un octa-core fino a 2.8GHz che offre al dispositivo una velocità impressionante. L’ottimo lavoro di ottimizzazione di Xiaomi con la sua interfaccia MIUI, unità ad un comparto hardware degno di nota, offrono un’esperienza utente sicuramente più che buona. La navigazione online è rapida, con un caricamento delle pagine fulmineo, permettendo di accedere a qualunque sito in pochissimi secondi.

I 6GB di RAM a disposizione danno ampie possibilità di utilizzo per quanto riguarda le applicazioni e i giochi. La GPU Adreno 630 è una scheda video in grado di sostenere lunghe sessioni di gioco anche con i titoli più esosi, senza però andare troppo oltre con grafica 3D ed elementi di gioco.

Abbiamo poi una batteria agli ioni di litio da 4000mAh. Purtroppo il caricabatterie in dotazione arriva solamente a 0.5A, allungando la carica completa fino a quasi 3 ore. Però comunque l’autonomia del dispositivo è davvero buona, garantendo più di una giornata completa di utilizzo tra email, telefonate, social network e giochi. Se si sfrutta poi la modalità Batteria Flessibile, che riduce il consumo di batterie per le applicazioni meno usate, si riesce a guadagnare quale minuto in più per altre attività più utili.

Tra le altre cose troviamo la connettività Bluetooth 5.0, connettore USB-C 2.0 e Wi-Fi di tipo 802.11 a/b/g/n/ac.

Conclusioni

Siamo arrivati alle considerazioni finali su questo Xiaomi Pocophone F1. Dopo una recensione dettagliata, possiamo tirare finalmente le somme. Innanzitutto dobbiamo fare un appunto positivo sul prezzo attuale, sceso attorno ai 280€. Per questa cifra difficilmente riuscirete a trovare qualcosa di meglio, anche se potete trovare altri modelli della stessa fascia nella nostra classifica.

A livello tecnico siamo su un ottimo livello, con un sistema operativo ben ottimizzato, coadiuvato da un comparto hardware certosino. La fotocamera è sempre un punto interrogativo quando non si parla di top di gamma, eppure il Pocophone F1 si è comportato egregiamente, seppur ci siano state parecchie incertezze su determinate condizioni di scatto.

Come design siamo comunque su una buona strada, nonostante manchi di innovazione e di un’idea originale che possa colpire immediatamente l’occhio dell’utente. In conclusione, Xiaomi Pocophone F1 è un telefono che ci sentiamo di consigliare caldamente se il vostro budget rientra nei 300€ e volete un dispositivo veloce, fluido e di buon livello.

Condividi questo articolo sui social network!

Potrebbero interessarti anche...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *