Destiny 2: Ombre dal Profondo – Recensione della nuova espansione

Nella recensione di Destiny 2: Ombre dal Profondo analizzeremo non solo la trama e gli aspetti chiave del gameplay, ma anche l’impatto della separazione tra Bungie e Activision.

Destiny 2 è uno sparatutto online con un forte stampo RPG. Il gameplay infatti si basa principalmente sull’avanzamento del livello del personaggio, possibile grazie all’acquisizione di nuovi equipaggiamenti sempre più potenti e che possono migliorare il livello globale del personaggio. Questo genere viene definito looter shooter, proprio per il fatto che il giocatore deve scovare nuove armi, accessori e quant’altro per poter migliorare la propria potenza contro i numerosi nemici che incontrerà durante le varie sfide.

  • Destiny 2: Ombre dal Profondo - Recensione della nuova espansione 1
  • Destiny 2: Ombre dal Profondo - Recensione della nuova espansione 2

Recentemente Bungie si è definitivamente separata dall’applicazione Battle.net di Blizzard, spostandosi direttamente su Steam, attraverso la formula free-to-play. Questo nuovo slancio è stato chiamato Una Nuova Luce, quasi a simboleggiare la rinascita di Destiny 2. Particolare interessante di questa scelta commerciale è l’introduzione della primissima missione di Destiny, quella che permette a chi non si è mai avvicinato al brand di avere un minimo di background sulla trama principale. La storia racconta del risveglio del protagonista in un territorio oscuro e desolato, devastato dalla guerra. Appartenenti al popolo dei Guardiani, siamo chiamati non solo a scoprire le cause di tale devasto ma a salvare un sistema solare sull’orlo dell’abisso.

La prima volta che entreremo nel mondo di Destiny 2 avremo modo di scegliere tra tre classi differenti: Titano, Cacciatore o Stregone. Come si evince dai nomi, il primo ha una maggior resistenza agli attacchi e buone abilità corpo a corpo, il secondo è forte negli attacchi a distanza mentre il terzo sfrutta le magie per far fuori grandi gruppi di nemici. Ovviamente l’anima shooter del titolo rimane insita nel gioco, qualunque classe si scelga. Dunque avremo a che fare con mitragliette, lanciarazzi e fucili a pompa. Ciò che distingue ogni classe, ed è anche una delle novità di Destiny 2, è la Super Abilità, una particolare mossa che può essere sfoderata solamente caricando un’apposita barra attraverso l’uccisione di nemici. Il risultato sarà un attacco potentissimo che potrà decidere le sorti di una battaglia. Tale abilità è utile anche per infliggere maggiori danni ai boss o ai nemici più potenti. In Destiny 2 è possibile anche usare un arsenale di tre abilità secondarie, selezionabili tramite l’apposita area del personaggio.

La Torre, dove tutto ha inizio

Destiny 2: Ombre dal Profondo - Recensione della nuova espansione 3

Tutte le missioni e le quest che svolgeremo andranno richieste ai vari NPC presenti nella Torre, l’area social di Destiny 2. Per i neofiti di Destiny potrà essere impegnativo addentrarsi in una storia così travagliata e complessa, ma potrete comunque intraprendere le trame “La Guerra Rossa”, “La Mente Bellica” e “La Maledizione di Osiride” per poter già avere un quadro chiaro degli avvenimenti. Possiamo considerare la Terra come la zona franca di Destiny 2, dove potersi prendere una pausa dai combattimenti e prendersi del tempo per migliorare il personaggio, oltre che acquistare nuovi oggetti ed equipaggiamenti. Inizialmente si partirà con un livello di 750, che potrà essere aumentato fino al 950, utile per affrontare l’espansione Ombre dal Profondo.

Destiny 2: Ombre dal Profondo - Recensione della nuova espansione 4

Lo spostamento tra un pianeta e l’altro è stato velocizzato. Aprendo il Navigatore è possibile guardare rapidamente la mappa del sistema solare e scegliere immediatamente la nostra destinazione. Se ci si vuole cimentare in uno scontro PvP, sarà necessario dirigersi al Crogiolo, dove potremo scegliere tra diverse modalità. Tra le altre modalità abbiamo Avanguardia, in cui si affrontano particolari missioni a tre giocatori dove si otterranno ricompense esclusive, e Azzardo, che però richiede l’acquisto dell’espansione I Rinnegati.

Sulla Terra è possibile non solo intraprendere le cosiddette Imprese, ovvero le missioni di Destiny 2, ma anche accettare delle taglie, ossia degli obiettivi secondari che richiedono di eseguire determinate azioni in battaglia, come ad esempio “usare la Super Abilità 10 volte” oppure “uccidere 20 nemici usando il fucile di precisione” e così via. Ogni NPC darà accesso a svariate missioni, che vi impegneranno per diverse ore.

  • Destiny 2: Ombre dal Profondo - Recensione della nuova espansione 5
  • Destiny 2: Ombre dal Profondo - Recensione della nuova espansione 6

Prima di affrontare l’espansione Ombre dal Profondo, consigliamo di raggiungere un livello personaggio abbastanza alto, diciamo sugli 800-820.

Destiny 2: Ombre dal Profondo – Il ritorno sulla Luna

La nuova espansione del titolo sviluppato da Bungie ci riporta nuovamente sulla Luna, territorio già noto ai giocatori del primo Destiny. Eris Morn, ex guardiana come noi, decide di contattarci perché sembra che qualcosa si sia risvegliato proprio dove precedentemente l’abisso sembrava essere stato contenuto. Il nostro compito sarà quello di esplorare i misteri attorno ad una sorta di base di forma piramidale, che nasconderebbe mostri ed incubi che solo noi siamo in grado di sconfiggere.

Destiny 2: Ombre dal Profondo - Recensione della nuova espansione 7

Per chi ha già giocato a Destiny, inizialmente non troverà nulla di nuovo nelle dinamiche di gameplay e nella struttura delle missioni, che si baseranno principalmente sull’esplorazione e sulla sconfitta di boss specifici. Anche le ambientazioni, per quanto interessanti e suggestive, si ripropongono leggermente modificate in questa espansione. La nuova area esplorabile, denominata Fortezza Scarlatta, è una vasta zona aperta dove i nemici ci attaccheranno da varie direzioni. Sarà la nostra abilità e strategia a darci la possibilità di poter portare a termine gli obiettivi principali ed avanzare nella campagna.

Destiny 2: Ombre dal Profondo - Recensione della nuova espansione 8

L’intera campagna culminerà con il Giardino della Salvezza, in cui è consigliato possedere un personaggio di livello 950, ovvero il massimo raggiungibile. Finalmente Bungie ha introdotto un metodo più rapido per potersi muovere nella mappa, ovvero il Viaggio Rapido. Appena si premerà il pulsante Avvia, in pochi secondi verremmo teletrasportati nell’apposito checkpoint all’interno dell’area. E’ comunque possibile spostarsi a piedi o con il proprio veicolo, decidendo di passare ad un approccio più offensivo.

Destiny 2: Ombre dal Profondo - Recensione della nuova espansione 9

Per raggiungere il livello massimo saranno richieste diverse ore di gioco. Se inizialmente si salirà di livello con abbastanza facilità, successivamente sarà necessario elaborare una strategia di interscambio tra personaggi e oggetti in maniera tale da poter essere poi pronti per concludere la campagna. L’espansione però aggiunge un particolare manufatto che, in linea teorica, permette di salire di livello all’infinito, con un dispendio di ore non indifferente. Ciò che però bisogna sapere è che tale manufatto viene resettato ad ogni nuova stagione e in più è legato all’account, quindi l’esperienza viene condivisa su tutti i personaggi in nostro possesso. Tale manufatto inoltre sblocca dei particolari perk che permetteranno di sconfiggere nemici che altrimenti non si potrebbero uccidere con gli equipaggiamenti ricavati dalle missioni.

Destiny 2: Ombre dal Profondo - Recensione della nuova espansione 10

Parlando delle varie stagioni che compongono la vita di Destiny, possiamo dire che giornalmente sarà possibile riscattare delle ricompense, che in alcuni casi possono riguardare oggetti di gioco esclusivi.

Destiny 2: Ombre dal Profondo - Recensione della nuova espansione 11

Fortunatamente ci pensa una buona regia e un comparto artistico eccellente a fare da contorno al resto e a rendere l’esperienza di gioco più coinvolgente possibile, con una narrazione che attraverso dialoghi molto espressivi riesce a catturare lo spettatore. Ci pensa anche un ottimo comparto sonoro ad impreziosire il tutto, con musiche d’impatto e che fanno da sfondo a battaglie divertenti e concitate. Spendiamo anche due parole sul lato tecnico di Destiny 2. Noi abbiamo avuto modo di testare la versione PC e possiamo concludere che l’ottimizzazione è davvero certosina. Giocando su un notebook con una Nvidia MX250 siamo riusciti ad impostare una risoluzione FullHD con dettagli Alti e un basso livello di antialiasing senza andare sotto i 60FPS. Giusto in alcuni casi ci sono stati dei cali nei momenti più vivi dell’azione, ma si tratta comunque di inezie che non influiscono negativamente sull’esperienza di gioco finale.

Destiny 2: Ombre dal Profondo - Recensione della nuova espansione 12

Destiny 2: Ombre dal Profondo è un’espansione che sicuramente offre un’esperienza molto più limitata rispetto ai Rinnegati, ma regala comunque tante ore di divertimento e una sana dose di difficoltà che non guasta mai. Bungie ha comunque confermato che nei prossimi mesi arriveranno nuovi contenuti riguardanti questo nuovo capitolo.

Verdetto

Destiny 2: Ombre dal Profondo - Recensione della nuova espansione 13

Destiny 2: Ombre dal Profondo riporta i giocatori in un mondo inesplorato da parecchio tempo. Per quanto i Rinnegati fosse un’espansione nettamente superiore a questa per contenuti, anche Ombre dal Profondo riesce a riavvicinare nuovamente i veterani del gioco, offrendogli una sfida puntata principalmente al farming di oggetti ed equipaggiamenti, con un lato tecnico sorprendente e un’ottimizzazione su PC ottima. Visto il periodo attraversato da Bungie riguardo il suo distacco con Activision, ci aspettiamo che nei prossimi mesi DEstiny 2 si rafforzi nuovamente con contenuti di qualità e che arricchiscano Ombre dal Profondo in maniera tangibile.

Destiny 2: Ombre dal Profondo – Recensione della nuova espansione ultima modifica: 2019-10-24T15:57:43+02:00 da Marco Nisticò
Destiny 2: Ombre dal Profondo - Recensione della nuova espansione
Destiny 2: Ombre dal Profondo - Recensione della nuova espansione 14

Nella recensione di Destiny 2: Ombre dal Profondo analizzeremo non solo la trama e gli aspetti chiave del gameplay, ma anche l'impatto della separazione tr

Editor's Rating:
7
Se ti è piaciuto questo articolo, sostieni TechByte a questo link

Potrebbero interessarti anche...

Facci sapere la tua opinione!