Computex 2018: gli annunci più rilevanti

Andiamo a ripercorrere quelli che sono stati gli annunci più interessanti di questo Computex 2018, svoltosi come ogni anno a Taipei.

Non avendo potuto seguire in tempo reale i vari annunci delle diverse aziende produttrici di elettronica e componentistica hardware, abbiamo deciso di scrivere un unico articolo che potesse raccogliere tutti gli annunci più rilevanti, senza nulla togliere ad altre presentazioni minori ma che comunque non hanno aggiunto nulla di nuovo sul mercato.

Nuovi processori per il settore enterprise

Ad aprire le danze di questo Computex 2018 ci hanno pensato Intel e AMD, che hanno annunciato l’arrivo di nuovi processori destinati al mercato enterprise, quindi server e workstation.

Intel, oltre all’8086K, che è stato portato all’incredibile frequenza di 7244MHz, ha presentato una CPU da ben 28 Cores/56 Threads, il cui nome rimane ancora ignoto. Ciò che sappiamo al momento è che la frequenza base è di 2.7GHz mentre la massima arriva a 5GHz. L’arrivo è fissato per la fine dell’anno. Non è stata comunicata né una data di uscita ufficiale né un possibile prezzo. A giudicare dal mercato per cui è destinata, sicuramente non si andrà sotto i 1000€.

AMD invece ha presentato gli AMD Threadripper di seconda generazione. I primi modelli, sempre destinati al mercato business, avevano al massimo 16 Core/32 Threads, per sfidare la linea Skylake-X e Kaby Lake-X di Intel. Questa volta AMD ha voluto giocare di anticipo, preparando la contromossa alla concorrenza. Infatti abbiamo due modelli annunciati. Il primo con 24 Core/48 Threads e il secondo con 32 Core/64 Threads. Il motivo di questo raddoppio sta nel fatto che ora si è passati a quattro die attivi (il die è l’unità del processore che contiene i core ndr), contro i due di prima. Entrambi saranno dotati della nuovissima architettura Zen+, già vista nei Ryzen di seconda generazione, e saranno realizzati con un processo produttivo a 12nm. Secondo quanto riportato da Anandtech, queste sarebbero alcune delle specifiche tecniche trapelate:

Threadripper 2 con 24 Core Threadripper 2 con 32 Core Threadripper
1950X
Threadripper
1920X
Socket TR4 (LGA)
4094-pin
Architettura Zen+ Zen+ Zen Zen
Cores/Threads 32 / 64 24 / 48 16 / 32 12 / 24
Frequenza base 3.0 GHz 3.0 GHz 3.4 GHz 3.5 GHz
Frequenza Turbo 3.4 GHz (WIP) 3.4 GHz (WIP) 4.0 GHz 4.0 GHz
L3 Cache 64 MB ? 48 MB ? 32 MB 32 MB
TDP 250W 250W 180W 180W
Linee PCIe 3.0 60 + 4
Chipset X399
Memory Channels 4

E’ evidente come ci sia stato un netto miglioramento rispetto alla prima generazione. Anche i consumi energetici sono aumentati, arrivando a 250W, al pari di una scheda video di fascia medio-alta.

Ovviamente le specifiche tecniche complete arriveranno probabilmente nei prossimi mesi. Nel frattempo possiamo solamente basarci sui dati che abbiamo in nostro possesso.

L’annuncio di questi processori porterà anche all’entrata sul mercato di nuove schede madri che saranno compatibili con queste CPU, anche se gli attuali modelli con chipset X399 dovrebbero andar bene, con un semplice aggiornamento del BIOS. I vari produttori non hanno perso l’occasione di presentare le loro soluzioni, come la Gigabyte X399 Aorus Extreme e la MSI X399 MEG Creation. Si è dato spazio anche alle schede madri della serie B450, per supportare i Ryzen della seconda generazione.

Altri annunci

Tra gli altri annunci, abbiamo alcuni prodotti realizzati con un processo a 7nm, tra cui un processore della linea EPYC e una scheda video RX Vega con ben 32GB di memoria HBM2, destinata ai server.

Sono stati mostrati anche i primi test degli SSD Optane della serie 900P da 380GB, confrontati con le prestazioni del 760P. Il prezzo sul mercato sarà di circa 600€. ASRock ha persino messo in atto un test che prevedeva l’utilizzo di 4 SSD Optane 905P in Raid 0, con risultati sbalorditivi.

Tante novità in ambito gaming

Passiamo ora alle presentazioni un po’ più succulente e per gli amanti del gaming.

Asus ROG è sicuramente il marchio che ha spiccato più di tutti al Computex 2018. La divisione ROG ha mostrato al pubblico tantissimi prodotti, alcuni dei quali rappresentano l’ingresso in un nuovo mercato per Asus. L’annuncio che ha fatto più scalpore è sicuramente quello dell’Asus ROG Phone, primo smartphone dell’azienda dedicato al gaming. Le specifiche tecniche parlano di uno schermo AMOLED da 6 pollici, processore Snapdragon 845 overclockato a 2.96GHz con GPU Adreno 630, 8GB di RAM e 512GB di memoria di archiviazione. Il tempo di risposta di 1ms lo rende perfetto per i giochi, che hanno bisogno di reattività e fluidità per poter essere giocati al meglio. A completare il tutto c’è una batteria da 4000mAh con sistema di ricarica QUick Charge 3.0, che garantisce il 60-65% di batteria in circa mezz’ora. Ovviamente Asus non poteva trascurare il design, davvero accattivante e in puro stile ROG, con le sue linee tamarre e dal look inconfondibile.

L’azienda ha proposto anche diversi accessori che andranno ad accompagnare questo smartphone.

Abbiamo Aero Cooler, un dissipatore che si potrà collegare tramite le due porte USB del telefono, per poterlo raffreddare nelle sessioni di gaming più intense.

C’è poi la Twin View Dock, per creare una replica dello schermo del ROG Phone al fine di creare una sorta di console portatile, che unita al Game Vice, controller dotato di levette analogiche e pad direzionali, darà origine ad una vera e propria console da gioco.

Infine la Desktop Mobile Dock, per virtualizzare lo schermo su un monitor esterno. Ancora non si sa nulla riguardo prezzo e disponibilità in Italia.

Il mondo degli smartphone non è l’unico su cui Asus ha messo per la prima volta le mani. Infatti al Computex 2018 è stato possibile notare l’annuncio di ROG Ryujin e ROG Ryuo, i primi dissipatori a liquido all-in-one di Asus.

Computex 2018: Asus ROG Ryujin

Il primo è disponibile sia con radiatore da 240 e 360mm mentre il secondo ha due versioni da 120 e 240mm. Entrambi possiedono un illuminazione Aura RGB, per dare quel tocco visivo in più alla vostra configurazione. Le ventole Noctua iPPC da 2000RPM promettono un ottimo flusso d’aria interno.

Asus ha raggiunto anche il mercato degli alimentatori per PC con la presentazione di Thor, modello da 1200W con certificazione 80Plus Platinum.

La società ha voluto anche puntare molto sui prodotti TUF Gaming, di cui abbiamo qualche giorno fa in un articolo dedicato.

E’ stata annunciata persino una scheda madre specifica per il mining, ovvero la Asus H370 Mining Master, che permette di installare fino a 20 schede video contemporaneamente.

Concludiamo questa parte di annunci con l’MSI Trident A, un PC da gaming con specifiche davvero interessanti. Stiamo parlando di un PC dotato di scheda video GTX 1080Ti e processore i7-8700, al modico prezzo di 1299$. La linea Trident di MSi cerca di unire la potenza a dimensioni molto più piccole di un classico PC preassemblato. Il pannello laterale in vetro temperato si può rimuovere molto facilmente, così da poter eseguire un aggiornamento con molta facilità. MSI ha ottimizzato al meglio il raffreddamento di questo computer, posizionando le varie componenti in maniera tale da non gravare troppo le temperature, viste le dimensioni nella quale alloggiano. Il prezzo è molto allettante, visto che comunque il costo delle schede video ancora deve ritornare ad una situazione ideale, anche se la situazione è ben migliore rispetto a qualche mese fa.

Anche l’occhio vuole la sua parte

Andiamo a parlare ora di quei prodotti che uniscono l’utile al dilettevole, coniugando un’ottima utilità ad un aspetto estetico non indifferente.

Cominciamo da Asus, che al Computex 2018 ha mostrato il suo Balteus Qi, un tappetino in grado di ricaricare il mouse tramite sistema Qi. Questa tecnologia è la stessa che viene impiegata dagli smartphone e nota come ricarica wireless. Ovviamente il sistema funziona solamente con mouse wireless, che hanno bisogno di essere costantemente attivi in caso di sessioni di gioco prolungate. A condire il tutto c’è un illuminazione Aura Sync RGB, personalizzabile tramite apposito software dedicato.

Non potevano poi mancare diversi annunci relativi ai case per PC, come il Crystal 280X RGB di Cooler Master, un micro-ATX con pannello laterale in vetro temperato (prezzo da 159,99$), e il Cooler Master H500M, che vi avevamo anticipato già in uno scorso articolo.

Uno sguardo al mercato notebook

Senza dilungarci troppo oltre, vi riportiamo un elenco dei notebook presentati da Asus e MSI durante la conferenza al Computex 2018, sotto forma di scheda tecnica:

MSI Prestige PS42 Asus ZenBook S Asus ZenBook Pro 14 Asus ZenBook Pro 14
Display 14″ in FullHD 13,3″ in 4K o FullHD 14″ in FullHD con TouchPad da 5.5″ 15″ in 4K con TouchPad da 5.5″
Processore Intel Core i7 Serie U Intel Core i7-8550U o i5-8250U Intel Core di ottava generazione Intel Core i9
Scheda video Nvidia MX150 ??? GTX 1050 Max-Q GTX 1050Ti
RAM 8GB 16GB ??? ???
HDD/SSD 1TB SSD PCIe da 1TB SSD PCIe x4 fino a 1 TB con Intel Optane SSD PCIe x4 da 1 TB
Connettività Wi-Fi, USB 3.0, Bluetooth USB Type-C, Wi-Fi, HDMI Lettore microSD, HDMI, Wi-Fi, USB-C Lettore microSD, HDMI, Wi-Fi, USB-C
Prezzo ??? 1199€ ??? 2299€