CES 2018: le novità di AMD

Dopo Intel, anche AMD è salita sul palco del CES 2018, parlando del futuro delle sue CPU, affrontando anche l’argomento riguardo i piani futuri.

L’articolo verterà principalmente su tre tematiche principali:

  • Ryzen di seconda generazione
  • Ryzen Mobile e PRO Mobile
  • Abbassamento dei prezzi per Ryzen e previsioni per il futuro

Anche AMD sta cercando di spingere al massimo sul mercato dei processori. Dopo aver stretto una collaborazione con Intel per creare una CPU a singolo package, è il momento di tirare fuori le carte in tavola.

Ryzen di seconda generazione

La prima vera novità riguardo i Ryzen di seconda generazione è l’impiego di un processo produttivo a 12nm, che porta un aumento di prestazioni del 10%. Il passaggio dall’architettura Zen a Zen+ accompagna anche l’ottimizzazione del socket AM4, che verrà installato nelle nuove motherboard con chipset della serie 400. Anche in questo caso sono state confermate nuove schede madri in vista di nuovi processori, però in questo caso le schede madri attualmente in vendita saranno pienamente compatibili con i Ryzen di seconda generazione tramite un semplice aggiornamento del BIOS. Non succederà come è capitato con gli Intel Coffee Lake, in cui è necessario acquistare una scheda madre compatibile. Rimane comunque il fatto che le motherboard con chipset 400 saranno ottimizzate principalmente per la nuova gamma Ryzen.

L’uscita di questi due modelli è fissata per il 12 Febbraio 2018.

I primi modelli di Ryzen di seconda generazione che sono stati mostrati sono due: Ryzen 2400G e Ryzen 2200G. Per la prima volta nella storia, i processori AMD saranno dotati di una scheda video integrata della serie RX Vega. Il 2200G è dotato di 4 Core/4 Threads che lavorano a 3.5GHz fino a 3.7GHz mentre il 2400G offre 4 Core/8 Threads con frequenze di 3.6GHz fino a 3.9GHz.

I prezzi saranno rispettivamente di 99$ e 169$ per il mercato americano. Per quanto riguarda l’Italia, probabilmente i prezzi saranno di 99€ e 169€. Costi tutto sommati allettanti, visto il nuovo binomio CPU-GPU interamente a marchio AMD che potrebbe bastare per configurazioni PC a basso budget. Di seguito potete trovare un grafico delle performance del modello Ryzen 5 2400G.

Nell’immagine viene fatto un confronto diretto con l’i5-8400 di Intel, che dovrebbe essere il suo diretto concorrente. E’ evidente come il distacco prestazionale faccia prevalere AMD a mani basse. AMD conferma che le nuove soluzioni Ryzen 3 e Ryzen 5 offrono prestazioni migliori della controparte, con una spesa oltretutto più bassa.

Ryzen Mobile PRO Mobile

Ryzen non si è fermata qui e ha mostrato anche la lineup dei Ryzen Mobile, processori dedicati esclusivamente al mercato degli smartphone e dei tablet.

AMD porta sul campo due nuovi processori per il mercato mobile: Ryzen 3 2300U e Ryzen 3 2200U. Il primo possiede 2 Core/4 Threads a 2.5GHz fino a 3.4GHz mentre il secondo ha 4 Core/4 Threads e lavora a 2.0GHz fino ad un massimo di 3.4GHz. Questi due modelli si andranno ad affiancare a quelli già lanciati verso la fine del 2017. Anche in questo caso si avrà una CPU con scheda video Vega dedicata. I consumi arrivano ad un massimo di 15W.

Sono state mostrate anche delle GPU Vega Mobile, di cui però non si sa ancora molto. L’unica informazione è la presenza di una memoria HBM2 affiancata alla scheda, proprio come nei processori Intel G Series. QUesto potrebbe essere uno spunto per una tecnologia sempre più efficiente in termini di costi e di consumi.

Di seguito trovate l’elenco ufficiale dei modelli previsti per la gamma Ryzen Mobile e PRO Mobile:

Lista dei processori Ryzen Mobile e Mobile PRO

Abbassamento dei prezzi e piani per il futuro

In vista dei nuovi modelli annunciati, AMD ha annunciato un abbassamento piuttosto consistente dei prezzi di quasi l’intera linea Ryzen. I prezzi scenderanno di circa 50-100€, soprattutto per il modelli Ryzen 5 e Ryzen 7. I Ryzen 3 non subiranno particolari modifiche, visto che comunque il prezzo è già molto concorrenziale.

L’azienda ha inoltre comunicato le sue idee per i futuri sviluppi fino al 2020. L”architettura Zen si evolverà in Zen 3 entro il 2020, raggiungendo un processo produttivo a 7nm+. Questa è una notizia piuttosto rilevante poichè non si era ancora arrivati ad un processo di sviluppo così efficiente. Potrebbe essere un’ulteriore innovazione nel mercato dei microprocessori.

AMD dovrà inoltre preoccuparsi di ottimizzare al meglio il binomio Vega-HBM2, sia per quanto riguarda i processori mobile che per quanto concerne la collaborazione con Intel per i modelli Intel G Series. Nel frattempo continueremo ad aggiornarvi con le ultime notizie a riguardo.

Fonte: AMD

Potrebbero interessarti anche...

Facci sapere la tua opinione!

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.