Android 9 Pie: le novità della nuova versione

Android 9 Pie è il nome ufficiale della nuova versione del sistema operativo. Sono già partiti i primi roll-out, ma vediamo insieme quali sono le novità più interessanti.

Negli ultimi mesi si vociferava tanto su quale appellativo potesse avere la nuova versione di Android. C’è chi diceva Plumcake, chi Peppermint o ancora Pastry. Alla fine l’azienda di Mountain View ha optato per un classico Pie. Da oggi infatti parte il roll-out di Android 9 Pie, inizialmente sui dispositivi Google Pixel, come era facile intuire. Successivamente sarà la volta di tutti quei dispositivi che avevano accesso alla beta, come lo Xiaomi Mi Mix 2S, Sony Xperia XZ2, OnePlus 6, Nokia 7 Plus e Oppo R15 Pro. Ma vediamo cosa propone di interessante questa nuova versione.

Le 5 novità di Android 9 Pie

L’aspetto più importante sul quale Google ha voluto focalizzarsi è l’intelligenza artificiale (AI). Proprio per questo molte delle nuove funzionalità presenti in Android 9 Pie sfrutteranno questa tecnologia. Una di queste è l’AI-Powered Adaptive Battery, che attraverso il machine learning permetterà al sistema di rilevare con precisione quali app consumano più batteria e quindi dare priorità a quest’ultime. Un’opzione che se dovesse funzionare a dovere permetterebbe di migliorare di molto le performance con determinate applicazioni, migliorando anche l’autonomia degli smartphone, fardello che ancora oggi è l’incubo di moltissimi utenti.

Complementare all’Adaptive Battery ci sarà l’AI-Powered Adaptive Brightness, che memorizzerà le impostazioni di luminosità del telefono in base alle esigenze dell’utente, applicandole automaticamente in caso di necessità. In questo modo si andrà a guadagnare autonomia in maniera completamente automatica, senza dover regolare manualmente la luminosità dello schermo. Può sembrare molto simile all’ormai nota luminosità automatica, ma in questo caso è presente un sofisticato sistema di machine learning che memorizza le abitudini dell’utente finale.

Il machine learning ha assunto ormai un ruolo fondamentale nella tecnologia, permettendo di seguire passo passo il comportamento umano, semplificando e migliorando determinate azioni che prima venivano svolte manualmente.

Andando oltre abbiamo le App Actions e gli Slices. Entrambe utilizzeranno sempre il machine learning per mostrare a schermo informazioni importanti nel momento in cui l’utente ne avrà bisogno oppure velocizzare l’utilizzo di app tramite azioni rapide che appariranno direttamente nel launcher stock tramite una barra che si posizionerà appena sopra le app presenti nella home.

Ovviamente Google rimane attenta anche al problema della privacy e della sicurezza, introducendo il DNS over TLS, una sorta di HTTPS però dedicata all’autenticazione dei DNS, così da proteggere i dati personali degli utenti ed evitare spiacevoli sorprese.

Altre novità

Di seguito vi elenchiamo altre novità minori, già presentate nei mesi precedenti, che saranno presenti in Android 9 Pie:

  • Display cutout support: supporto ai notch. Android 9 permetterà agli sviluppatori di ottimizzare al meglio le applicazioni attraverso questo elemento estetico.
  • Multi-camera API: possibilità di streammare due o più fotocamere contemporaneamente.
  • Indoor positioning: supporto al protocollo Wi-Fi IEEE 802.11mc (WiFi RTT), che permette di migliorare la ricezione della rete attraverso la triangolazione del segnale dagli access point.
  • Open Mobile API NFC: abilitato un sistema di pagamento sicuro tramite smart card usando l’NFC.
  • Introdotto il supporto all’HDR VP9 Profile 2: codifica di immagini HEIF, miglioramenti per l’autenticazione delle impronte digitali, e prestazioni ART, ottimizzazione efficienza energetica.

Dopo una beta iniziata a Marzo con la prima developer preview, ecco che finalmente Android 9 Pie sta giungendo per via ufficiale. Per l’occasione Google ha allestito la pagina ufficiale di questa nuova versione, dove poter scoprire tutti i dettagli approfonditamente.

Prodotto consigliato

Per chi volesse un ottimo smartphone , può acquistare lo Xiaomi Mi Mix 2S a 465€.