Ryzen 4000 Mobile | News, specifiche tecniche e prestazioni

Durante il Ryzen Mobile Tech Day 2020, AMD ha fornito diversi dettagli sulle specifiche tecniche e le prestazioni dei prossimi Ryzen 4000 Mobile, nome in codice Renoir.

I Ryzen 4000 Mobile sono processori destinati al mercato notebook, con l’intento di fornire prestazioni elevate anche su dispositivi portatili mantenendo consumi ridotti. Un primo assaggio di queste CPU ci è stato dato durante il CES 2020 con il modello 4800U, dove però erano stati elencati anche gran parte dei modelli che verrano impiegati nei futuri prodotti:

Ryzen 4000 Mobile: serie U e serie H | Specifiche tecniche

MODELCORES/THREADSTDP (Watts)BOOST/BASE FREQ. (GHz)RADEON™ GRAPHICSGPU CORESL2 / L3 CACHE (MB)
AMD Ryzen™ 7 4800H8C/16T45WUp to 4.2 / 2.9 GHzRadeon™ Graphics712
AMD Ryzen™ 5 4600H6C/12T45WUp to 4.0 / 3.0 GHzRadeon™ Graphics611
AMD Ryzen™ 7 4800U8C/16T15WUp to 4.2 / 1.8 GHzRadeon™ Graphics812
AMD Ryzen™ 7 4700U8C/8T15WUp to 4.1 / 2.0 GHzRadeon™ Graphics712
AMD Ryzen™ 5 4600U6C/12T15WUp to 4.0 / 2.1 GHzRadeon™ Graphics611
AMD Ryzen™ 5 4500U6C/6T15WUp to 4.0 / 2.3 GHzRadeon™ Graphics611
AMD Ryzen™ 3 4300U4C/4T15WUp to 3.7 / 2.7 GHzRadeon™ Graphics56
AMD Athlon™ Gold 3150U2C/4T15WUp to 3.3 / 2.4 GHzRadeon™ Graphics35
AMD Athlon™ Silver 3050U2C/2T15WUp to 3.2 / 2.3 GHzRadeon™ Graphics25

Questa tabella esplicativa presenta già due delle due linee di processori di cui volevamo discutere in questo articolo. La prima è la serie U, pensata per quei notebook sottili che però non vogliono compromessi in termini di potenza. Tant’è che i Ryzen 4000 Mobile sono i primi processori mobile ad essere sviluppati a 7nm e ad avere modelli da 8C/16T. Il modello di punta di questa serie è proprio il Ryzen 7 4800U, con frequenza massima di 4.2GHz e soli 15W di consumo. E’ dotato inoltre, come del resto tutti gli altri modelli, di scheda grafica Radeon integrata, in questo caso da 8 core. Il primo notebook a presentare questo chip sarà il Lenovo Yoga Slim 7.

Affiancata alla serie U c’è la serie H, destinata ai notebook da gaming e in grado di offrire potenza ai massimi livelli anche con i modelli meno potenti. Il modello di punta è il Ryzen 9 4900H, di cui vi abbiamo parlato in un articolo dedicato e si va ad aggiungere alla tabella mostrata in alto. Si tratta di un octa-core con Boost a 4.4GHz e consumo di 45W. Parallelamente alla serie H possiamo parlare dei modelli HS, ossia delle versioni Slim di quelle standard che presentano però le stesse specifiche tecniche ma con un consumo leggermente ridotto. Quindi queste soluzioni sono adatte a chi desidera acquistare un portatile più sottile ma in grado comunque di offrire tutta la potenza necessaria per eseguire lavori di editing. Tra i prodotti che arriveranno con i Ryzen 4000 HS c’è lo Zephyrus G14 si Asus ROG, con schermo da 14″ a 120Hz e batteria fino a 10 ore di autonomia.

Ryzen 4000 Mobile: serie U e serie H | Prestazioni

Parliamo ora di prestazioni. AMD ha mostrato diverse slide che non solo mostrano le performance dei diversi modelli in diverse situazioni e con diversi giochi ma confronta anche le proprie soluzioni con quelle adottate da Intel con la serie Ice Lake e Comet Lake (quella contrassegnata dalla dicitura U e G7 per intenderci).

Ryzen 4000 Mobile | News, specifiche tecniche e prestazioni 1

Un primo vantaggio di AMD con i Ryzen 7 sta nel maggior numero di core per quanto riguarda il Ryzen 7 4800U, che si scontra direttamente con l’i7-10710U. Di seguito alcuni risultati per quanto riguarda il gaming:

Ryzen 4000 Mobile | News, specifiche tecniche e prestazioni 2

E’ evidente come le soluzioni progettate da AMD risultino nettamente più vantaggiose in termini di prestazioni, con un incremento fino al 30% rispetto alla concorrenza. Anche nel campo della produttività riescono ad ottenere un vantaggio non da poco, soprattutto pensando quanto sia importante per un editor di video avere un processore che possa eseguire determinati processi nel minor tempo possibile.

Continuiamo poi con le prestazioni dei Ryzen 5, che si battono contro i modelli i5-1035G1, i5-1035G4 e i5-1035G7.

Ryzen 4000 Mobile | News, specifiche tecniche e prestazioni 3

Anche qui il vantaggio di core è evidente, con i suoi 6C/12T del Ryzen 5 4600U contro i soli 4C/8T dell’i5-1035G7. Sono migliori anche le frequenze base e boost, decretando inevitabilmente il vincitore.

Ryzen 4000 Mobile | News, specifiche tecniche e prestazioni 4

Come si evince infatti dalla slide in alto, i Ryzen 5 4000 Mobile non temono il confronto di Intel, con una potenza che in alcuni casi viene raddoppiata su certi giochi. Vediamo ad esempio il caso di Overwatch, dove con una risoluzione 1080p a dettagli Bassi si riescono a raggiunge a malapena i 30FPS con l’i5-1035G1 mentre anche solo il Ryzen 5 4600U è in grado perlomeno di salire fino a 45FPS, rendendo sicuramente più giocabile l’esperienza finale.

Concludiamo con l’unico modello della linea Ryzen 3, ossia il 4300U, un 4C/4T con frequenza massima di 3.7GHz.

Ryzen 4000 Mobile | News, specifiche tecniche e prestazioni 5
Ryzen 4000 Mobile | News, specifiche tecniche e prestazioni 6

Anche in questo caso il risultato è innegabile, mostrando persino con i modelli di fascia bassa di poter dominare il mercato in termini di potenza. Per quanto la differenza in certi casi è davvero minima, AMD riesce comunque ad ottenere quel minimo vantaggio che potrebbe fare la differenza su diversi giochi, specialmente quelli che richiedono una maggior reattività.

Passiamo ora a parlare dei processori con la dicitura H, che sono quelli che interessano maggiormente il gaming. Sono state confrontate esattamente due configurazioni, una con Ryzen 7 4800H con RTX 2060 e l’altra con Intel i7-9750H sempre con una RTX 2060.

Ryzen 4000 Mobile | News, specifiche tecniche e prestazioni 7

Il grafico non ha di certo bisogno di ulteriori spiegazioni. E’ praticamente innegabile come AMD quest’anno potrà tranquillamente dominare il mercato delle CPU sia desktop che notebook. Dal primo arrivo dei processori Ryzen sul mercato, AMD non ha fatto altro che risalire da un’oblio nel quale era stata intrappolata per troppo tempo, mentre Intel conquistava l’utenza con i suoi prodotti. Ci sono stati comunque dei prodotti meno convincenti, come ad esempio la Radeon VII e le RX Vega per le GPU, ma ci siamo scontrati anche con soluzioni decisamente ottime come i Ryzen di 3° generazione per il mercato desktop o le RX 5700, che competono direttamente con le RTX 2000 di NVIDIA. L’azienda a capo di Lisa Su vuole salire al podio su tutti i fronti, sia in campo GPU che CPU e immaginiamo che possa riuscirci davvero presto se la concorrenza non sfodera in tempo i suoi artigli.

Ryzen 4000 Mobile: serie U e serie H | Tecnologie e funzionalità

I Ryzen 4000 Mobile sono sicuramente dei processori davvero promettenti e non vediamo l’ora di mettere mano ad alcuni notebook dotati delle nuove soluzioni per poter fare qualche test e verificare se effettivamente vengono rispettate le promesse fatte. Le nuove CPU integrano una piattaforma più intelligente denominata dGPU, che unisce la CPU alla iGPU. Grazie alla funzione AMD SmartShift, il processore automaticamente deciderà se sfruttare la CPU o la GPU per determinati processi, a seconda della situazione. E’ interessante quindi come l’evoluzione abbia permesso di automatizzare e ottimizzare un’operazione che permetta di ottenere le prestazioni migliori su ogni campo.

Ovviamente i Ryzen 4000 Mobile saranno pienamente supportati dai driver Adrenalin 2020 Edition, di cui vi invitiamo a leggere l’articolo dedicato per scoprire tutte le novità. Tale supporto permetterà di sfruttare tutte quelle tecnologie che AMD negli anni ha imparato a rifinire con i Ryzen per desktop, come l’AMD Image Sharpening, Anti-Lag e Radeon Boost. Per risparmiare batteria sui notebook, è stata introdotta la Power Saver Mode, che regola il framerate nei giochi in base ai nostri movimenti, magari riducendo gli FPS nelle fasi più tranquille e aumentandoli nelle scene più concitate.

Sul lato hardware, queste CPU si basano su architettura Zen 2 con APU Renoir, che migliora sotto diversi aspetti tecnici rispetto a Picasso. A partire dal design stesso delle CPU, che prevede una maggiore larghezza di banda e un sistema di sensori che permette di controllare ogni aspetto critico della CPU. Non vogliamo addentrarci troppo nei tecnicismi, ma in sintesi possiamo dire che con Renoir si è permessa una migliore gestione della memoria, maggiore densità dei transistor e un package sviluppato in maniera più intelligente.

Ryzen 4000 Mobile | News, specifiche tecniche e prestazioni 8

Potrebbero interessarti anche...