amazon gaming week 2020

Qualcomm Snapdragon 768G ufficiale: il gaming su smartphone si evolve

Qualcomm ha svelato lo Snapdragon 768G, processore dedicato al gaming che si pone come via di mezzo tra il 765G e l’865.

La strategia adottata da Qualcomm sembra voler prediligere il settore degli smartphone da gaming. Oramai gli smartphone hanno raggiunto un livello di potenza tale da risultare non solo uno strumento di lavoro ma anche un prodotto per l’intrattenimento completo, grazie a display sempre più ampi e un hardware da fare invidia. E’ vero anche che con il passare degli anni è aumentato anche il prezzo per i top di gamma, persino per i brand che finora basavano il loro successo su prezzi altamente competitivi come Xiaomi, Oppo e Honor. Oramai anche i brand cinesi vogliono concorrere con i flagship di Samsung ed Apple, proponendo prodotti sempre più al passo con i tempi e, in alcuni casi, persino migliori.

Per cercare di attenuare un po’ il divario tra la fascia media e quella alta, ecco che arriva lo Snapdragon 768G.

Snapdragon 768G specifiche tecniche

Si tratta di un SoC octa-core Kryo 475 a 7nm, con una frequenza di 2.80GHz, con un aumento di 400MHz rispetto allo Snapdragon 765G. Diciamo quindi che lo Snapdragon 768G altro non è che una versione potenziata dello Snapdragon 765G, che dovrebbe offrire prestazioni simili ai top di gamma ma a prezzi più convenienti. La parte grafica invece è affidata ad una Adreno 620, che dovrebbe garantire un aumento delle prestazioni del 15% rispetto al modello inferiore. Questo miglioramento porterà sicuramente ad una miglior gestione dell’intelligenza artificiale. E’ presente inoltre il supporto allo Snapdragon Elite Gaming, dedicato ai videogiocatori che vogliono ottenere il massimo dal proprio dispositivo. Non manca ovviamente il supporto al 5G grazie al modem Snapdragon X52, che permetterà ai prossimi smartphone che lo monteranno di essere subito pronti per il nuovo standard di connessione mobile.

Riguardo al comparto foto e video, lo Snapdragon 768G garantirà la compatibilità con l’HDR10, HDR10+ e al codec H265. Supporterà inoltre moduli fotografici singoli fino a 192MP e Slow Motion a 720p fino a 480FPS, oltre che display in QDH+ a 60Hz o FHD+ a 120Hz. Tra i primi dispositivi che monteranno questo processore c’è il Redmi K30 Racing Edition, che dovrebbe essere presentato nei prossimi giorni.

Potrebbero interessarti anche...