Come modificare la PlayStation 3

La Playstation 3 è una console che ha avuto un discreto successo sia in oriente che in territorio nostrano. L’alta mole di titoli proposti la rende un ottimo sistema di intrattenimento videoludico. Dopo parecchi anni sono iniziate ad uscire le prime modifiche software della console, che permettono di eseguire homebrew e backup dei giochi. In questa guida vi mostreremo i passaggi fondamentali per preparare la console alla modifica. Noi non ci assumiamo responsabilità derivanti da futuri malfunzionamenti della console. Inoltre non incoraggiamo la pirateria ma proponiamo la guida solo a scopo informativo.

Fase 1: verificare il firmware della PlayStation 3

La prima operazione da fare è verificare il firmware della nostra PS3. Per farlo bisogna accedere alle Impostazioni dalla XMB (ossia il menù di PS3). Successivamente accedere alle Impostazioni di sistema e da qui premere su Informazioni sul sistema. A questo punto dovremmo trovarci davanti ad una schermata simile.

Se il firmware di sistema è il 3.55 o inferiore è possibile eseguire la modifica a livello software. In caso contrario sarà necessario procedere ad un operazione chiamata downgrade, che permette di portare il sistema PS3 ad un firmware inferiore, compatibile con la modifica. In questo articolo non tratteremo questa procedura poichè non compatibile con tutte le console. Per cui se siete in questa situazione purtroppo non c’è nulla da fare. Tutti gli altri possono continuare nella lettura.

Fase 2: aggiornare la PlayStation 3 al firmware 3.55

Se la PS3 monta già il firmware 3.55 possiamo procedere al passo successivo. In caso contrario bisogna fare come segue:

1) Scaricare il firmware ufficiale Sony 3.55.

2) Creare una cartella PS3, al cui interno andrà creata un’ulteriore cartella UPDATE.

3) Estrarre il file all’interno dell’archivio, rinominarlo in PS3UPDAT.PUP e copiarlo nella cartella UPDATE. Copiare poi la cartella PS3 in una chiavetta USB o memoria esterna.

4) Inserire la chiavetta USB nella PS3. Andare nelle Impostazioni e selezionare Aggiornamento del sistema. Ora dobbiamo scegliere Aggiorna tramite supporti di memorizzazione. A questo punto verrà effettuata la ricerca di firmware nei dispositivi collegati tramite USB.

5) Dare l’OK per l’installazione e attendere la fine del processo.

NOTA: è possibile eseguire l’aggiornamento anche tramite il menù Recovery. Per la guida vi rimandiamo al sito ufficiale Sony.

Fase 3: effettuare la modifica della PlayStation 3 ed avviare i backup

L’operazione di modifica è praticamente identica ad un semplice aggiornamento software. Basterà semplicemente scaricare il Custom Firmware 4.81 per abilitare la possibilità di avviare backup sulla nostra PlayStation 3. La procedura è analoga a quella precedente.
Passiamo ora ai programmi più essenziali, ossia quelli che permettono l’avvio di backup sia PS3 che PS2. Per il primo utilizzeremo il ben noto multiMAN, celebre per la frequenza con cui viene aggiornato e le funzionalità che offre. Oltre ad un sistema di aggiornamento interno, permette di copiare i backup direttamente nell’hard disk interno della PS3, operazione sconsigliata se non necessaria con alcuni (sottolineiamo rari) titoli. Di seguito la procedura per avviare i backup:

1) Creare una cartella GAMEZ in un supporto di archiviazione esterna, meglio hard disk se possibile, così da poter copiare un maggior numero di titoli. Il support dovrà essere formattato in FAT32, per cui potremo copiare solo file minori di 4GB. Andando avanti spiegheremo anche la guida su hard disk in NTFS.

2) Per installare multiMAN, copiare il file .pkg presente nell’archivio in una memoria esterna. Poi andare su Install Package Files dalla XMB e selezionare multiMAN.

2) Collegare il supporto alla PS3 ed avviare multiMAN.

3) A questo punto multiMAN avrà riconosciuto correttamente i giochi, che potremo trovare sotto il menù Games. Quello che dovremo fare è selezionare il gioco che vogliamo far partire ed attendere di essere riportati nella XMB della PlayStation 3.

4) Ora dovremo solamente avviare il gioco, che avrà l’icona di un Blu Ray, come fosse stato inserito il titolo originale.

Fase 4: avviare backup da hard disk NTFS

Inizialmente questo fu un problema molto ostico, poichè costringeva gli utenti a copiare forzatamente i giochi nell’hard disk della PlayStation 3. Con le nuove versioni di multiMAN è stato arginato il problema. Infatti, sarà possibile avviare backup da hard disk formattati in NTFS convertendoli in formato ISO. Per farlo, utilizzeremo il programma PS3 ISO Tools:

1) Avviare PS3 ISO Tools e cliccare su Create ISO(s).

2) Nel menù precedente potremo applicare varie modifiche, come la patch al firmware nel caso la PlayStation 3 abbia una versione del software minore di quello richiesto dal gioco o la divisione delle ISO in file minori di 4GB per hard disk in FAT32. Dopo aver fatto le dovute scelte, cliccare su Continue.

3) Scegliere la cartella del gioco da convertire e dare inizio alla creazione dell’ISO. I tempi variano a seconda della dimensione del gioco e dalla velocità del nostro hard disk.

4) Creare una cartella PS3ISO all’interno dell’hard disk in NTFS e copiarci dentro i backup. La procedura di avvio è la stessa con multiMAN.

Fase 5: giocare online con il PSN

Giocare online utilizzando una PlayStation 3 modificata comporta sempre un minimo margine di rischio. Però esistono metodi che permettono, in qualche modo, di nascondere la modifica al controllo di Sony permettendo di giocare online QUASI in tranquillità. Il programma che useremo si chiama PSNPatch. L’installazione è la medesima di multiMAN. Questo software permette di nascondere la modifica disattivandola temporaneamente. Per cui una volta riavviata la PS3 dovremo eseguire nuovamente la procedura. Inoltre, PSNPatch blocca la connessione al PSN finchè non si disattiva la modifica, per evitare connessioni automatiche. Per usare PSNPatch fare come segue:

1) Montare un backup PRIMA di avviare PSNPatch. Questo perchè la disattivazione della modifiche non permetterà l’avvio di alcun software di terze parti, tra cui multiMAN.

2) Avviare PSNPatch e premere X. Sentiremo un bip dalla console e ritorneremo alla XMB.

3) Ora possiamo avviare i nostri backup e connetterci al PSN direttamente in game. Ovviamente il rischio di essere bannati c’è sempre, anche se notevolmente ridotto. Se vogliamo conquistare i trofei, possiamo tenere attiva la connessione internet (senza collegarci al PSN) e successivamente accedere al PSN per sincronizzarli, dopo aver applicato la modifica di PSNPatch.

Fase 6: avviare backup PS2

L’utilizzo di backup PS2 è consentito solamente su Custom Firmware dotati delle patch Cobra, presenti nel firmware allegato in questo articolo. Ci serviremo del programma ISO Launcher 1.03 e di PSNPatch, utile all’attivazione dei backup PS2. Procediamo come segue:

1) Entriamo in PSNPatch e premiamo Select per aprire il menù Toolbox. Qui dobbiamo attivare i vari plugin elencati in alto tramite la pressione delle frecce direzionali.

2) Attivare il sistema PS3 tramite l’opzione apposita nella XMB.

3) Ritornare su PSNPatch e premere R1 per attivare i classici PS2 e il programma di avvio dei backup PS2.

4) Installare il PKG di ISO Launcher (PS2 CLassics Placeholder) come tutti gli altri programmi.

5) Creare una cartella PS2ISO su un supporto esterno ed inserirci i backup PS2 in formato ISO.

6) Avviare multiMAN e selezionare il titolo PS2 da avviare (sarà necessario copiare il titolo nell’hard disk della console.

7) Dalla XMB, avviare ISO Launcher per far partire il gioco.

Noi di TechByte non ci assumiamo nessuna responsabilità riguardo danni alla console o altro. La guida è stata testata ed è perfettamente funzionante su qualsiasi modello di PlayStation 3.

Commenta per primo

Facci sapere la tua opinione!